Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 22 maggio 2024
 
Esteri
 

A Gaza un accordo tra Hamas e Israele per il cessate il fuoco

21/07/2018  Dopo l'escalation di scontri e bombardamenti sulla Striscia degli ultimi giorni, in cui sono morti quattro palestinesi e un soldato israeliano e sono rimaste ferite 120 persone, Hamas ha annunciato il cessate il fuoco.

Hamas ha annunciato un cessate il fuoco con Israele. «Con gli sforzi egiziani e delle Nazioni Unite, è stato raggiunto un accordo per tornare alla precedente situazione di cessate il fuoco tra l'occupazione e le fazioni palestinesi», ha twittato ieri il portavoce Fawzi Barhoum.

Dopo mesi di tensioni sul confine, la situazione è precipitata quando cecchini di Hamas, il movimento islamista che controlla la Striscia di Gaza, hanno teso un'imboscata a una pattuglia israeliana. Un soldato è stato colpito in modo grave e l'esercito ne ha poi dato notizia della morte. Immediata la reazione israeliana: quattro palestinesi sono stati uccisi, altri 120 sono rimasti feriti. Israele ha colpito con i i carri armati e caccia obiettivi di Hamas, che ha reagito lanciando colpi di mortaio e razzi. Gli abitanti israeliani sono corsi nei rifugi e a Tel Aviv, si sono subito incontrati al ministero della Difesa, il premier Benyamin Netanyahu, il ministro Avigdor Lieberman e il capo di stato maggiore.

In serata l'emissario dell'Onu Nickolay Mladenov ha lanciato un appello: «Tutti a Gaza facciano un passo indietro, prima di cadere nel baratro. Non fra una settimana, non domani, subito. Quanti vogliono innescare una nuova guerra fra palestinesi e israeliani non devono riuscire nel loro intento». 

   

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo