logo san paolo
domenica 23 gennaio 2022
 
Personaggi
 

A Herlitzka, gran signore del teatro, il Premio Pirandello

15/01/2016  Premiata la carriera dell'attore torinese, che fece il saggio in Accademia proprio su un testo dello scrittore siciliano. "Amo la Sicilia, ho fatto qui anche il mio viaggio di nozze". A marzo sarà in scena a Palermo.

Spicca il nome di Roberto Herlitzka, gran signore del teatro italiano, fra i premiati della XX edizione del Premio Nazionale di Teatro Luigi Pirandello, uno storico riconoscimento promosso e organizzato dalla Fondazione Sicilia.

Nella cerimonia che si è svolta a Palermo, a Palazzo Branciforte, Herlitzka ha ricevuto il Premio alla Carriera. Luca Micheletti (regista, drammaturgo e attore) il Premio Internazionale. Antonella Pandini, con il testo “L'ascensore” ha vinto il Premio nazionale per la migliore opera teatrale. Premiati anche Valentina Garavaglia per il miglior saggio critico e Alessandro Pontremoli per il miglior saggio filologico.

Antonella Pandini, sceneggiatrice, autrice di testi per i fumetti, il teatro, la televisione pubblica anche per la San Paolo e le Paoline.

Questo premio, oltre che commemorare il grande Luigi Pirandello, vuole concentrare l'attenzione dell'opinione pubblica sulla funzione civile e culturale del teatro, che in tutte le sue forme è un elemento portante di una società critica e matura”, dice il professor Giovanni Puglisi, presidente di una giuria in cui figurano anche i nomi di Paolo Mauri, Alessandro Preziosi, Maurizio Scaparro, Elisabetta Sgarbi, Roberto Alajmo, Paolo Bosisio e Michele Guardì.

Per me”, dice Herlitzka a Famiglia Cristiana, “il Premio Pirandello è il più bel premio che si possa immaginare. Per diverse ragioni. Intanto il mio saggio finale in Accademia era proprio su un testo di Pirandello. Inoltre la Sicilia è una vecchia passione, infatti io e mia moglie siamo stati qui per il nostro viaggio di nozze. Ho grande ammirazione per questa terra magnifica, così legata alla nostra cultura classica”. Herlitzka aggiunge un dettaglio curioso: “Spesso sulla scena o nel cinema mi è stato chiesto di interpretare personaggi siciliani, anche se io sono torinese. Perciò quello che io parlo è un siciliano immaginario, diciamo che si tratta di una musica che cerco di orecchiare”. A marzo Herlitzka tornerà a Palermo per recitare, al Teatro Biondo, “Minetti”, un testo di Thomas Bernhard.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo