logo san paolo
lunedì 23 maggio 2022
 
 

A proposito di comunioni "negate"

14/04/2012  Il presunto "caso" della comunione negata al disabile, poi rivelatosi fasullo, ha dato il via a paginate di giornale. Ecco che cosa dice la Chiesa sulla comunione ai disabili.

A prescindere da eventuali elementi che non conosciamo e che possono aver determinato l’atteggiamento del parroco della diocesi ferrarese che non ha concesso la comunione ad un ragazzo gravemente disabile, è doveroso richiamare sinteticamente le norme della Chiesa al riguardo.

Un documento della S. Sede del 4/3/1981 afferma che il disabile “deve essere facilitato a partecipare alla vita della società in tutte le sue  dimensioni e a tutti i livelli, che siano accessibili alle sue possibilità” (cf EV 7/1144). Un comunicato dei vescovi italiani del 3/6/2003 riguardo alla comunione ai disabili mentali invita a valutare “le diverse forme con cui la consapevolezza e le disposizioni interiori – il percepire con il cuore – possono manifestarsi, nel rispetto del mistero del dialogo che la grazia di Cristo instaura con ciascuna persona umana” (ECEI 7/942).

A partire da questo testo, l’Ufficio Catechistico Nazionale pubblica un documento dove si afferma che “i sacramenti, prima di essere sacramenti di salvezza per l’uomo, sono un segno-presenza di Cristo e della Chiesa. Sono un segno dell’amore di Dio; un Dio che ama sempre la sua creatura, prima ancora che questa possa riamarlo” (L’iniziazione cristiana alle persone disabili. Orientamenti e proposte, p. 54).

Benedetto XVI nell’ Esortazione Apostolica Sacramentum Caritatis del 2007 scrive: “ Venga assicurata anche la comunione eucaristica, per quanto possibile, ai disabili mentali, battezzati e cresimati: essi ricevono l’Eucaristia anche nella fede della famiglia e della comunità che li accompagna” (n. 58).  La norma attuale che, nella Chiesa occidentale dal XIII secolo, riserva l’eucaristia ai battezzati che hanno raggiunto l’età di ragione (can. 913) si riferisce alle normali situazioni. Per i disabili mentali questa norma è stata opportunamente superata con l’autorità del Papa stesso.

Con tutto ciò il pastore deve assicurarsi che il sacramento sia ricevuto dignitosamente e che si collochi in un contesto familiare e parrocchiale di verità e di fede.                                                                                                                  

don Silvano Sirboni
(parroco e teologo)

Come volevasi dimostrare. Solo ieri scrivevamo che per la Chiesa eroica, nel caso specifico quella che rischia la vita ogni giorno per il riscatto dalla criminalità organizzata, l'Italia laica e bene intenzionata non spreca neanche un tweet. Non organizza campagne per i "preti coraggio", tacciono i commentatori arguti e gli autori delle pseudo-inchieste.

Oggi abbiamo avuto la controprova. C'è odore di caso controverso nell'arcidiocesi di Ferrara-Comacchio, forse si può speculare sul solito prete "cattivo", addirittura nei confronti dei disabili. Ed ecco che partono, puntuali, le paginate. Qualche riga per don Panizza minacciato per l'ennesima volta dalla 'ndrangheta, pagine per lo pseudo parroco persecutore di innocenti.

Non è così? Pazienza. L'esposto alla Corte europea dei diritti dell'uomo è una bufala? E vabbé, mica potremo spaccare il capello in quattro. Tutto va ben, madama la marchesa. Nell'Italia di oggi, dove le famiglie garantiscono il welfare e la Chiesa organizza il sostegno ai migranti e crea fondi contro la crisi economica, prendersela con i preti funziona sempre.

Famigliacristiana.it

I vostri commenti
40

Stai visualizzando  dei 40 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo