Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 25 luglio 2024
 
Un'insolita ricreazione
 

«A scuola giocano a “fare sesso” e io a casa non so che dire...»

16/05/2024  «In classe di mia figlia, terza elementare, il gioco fisso della ricreazione è “fare sesso”. I bambini si strusciano uno contro l’altro emettendo dei suoni simili all’ansimare» Leggi la risposta di Alberto Pellai

In classe di mia figlia, terza elementare, il gioco fisso della ricreazione è “fare sesso”. I bambini si strusciano uno contro l’altro emettendo dei suoni simili all’ansimare. È chiaro che non sanno minimamente che cosa voglia dire né diano un’accezione maliziosa alla cosa, ma quando torna a casa e lo rifà col fratellino dicendo che l’ha visto fare ai compagni mi dà un fastidio tremendo.

Ieri sono intervenuta dicendo che di quel che fa a scuola non mi interessa (non è vero, sto pensando di parlarne con le maestre), ma a casa certi giochi io non li voglio più vedere. In realtà, però, non ero soddisfatta dell’intervento ma soprattutto fatico a trovare le parole: non voglio aggiungere più particolari del necessario né far diventare reale qualcosa che per loro ancora non significa nulla.

Mi aiuta? L’intervento deve essere mio o della scuola? Che parole usare?

VALERIA

 

Risposta di Alberto Pellai

– Cara Valeria, la storia che racconti oggi è più frequente che mai. Accade che i bambini, sin dalla più tenera età, si trovino esposti a immagini e dialoghi, video e sollecitazioni di natura sessuale.

Ne rimangono suggestionati, incuriositi, a volte anche eccitati. Ma dentro alla loro mente non sanno come e dove collocare questo genere di stimoli. Vorrebbero chiedere aiuto e orientamento agli adulti, ma spesso “sentono” che gli stessi adulti non sono disponibili a mettersi in gioco su questi temi, perché ne sono spaventati e imbarazzati. E allora, ecco emergere nel quotidiano comportamenti sessualizzati che implicitamente permettono di dire con i gesti ciò che i bambini non riescono a dire con le parole.

Il gioco del “fare sesso” ha una duplice spiegazione: da una parte serve a dire “nel nostro territorio sono arrivate informazioni, visioni, sollecitazioni” impossibili da comprendere e a cui non sappiamo dare senso.

Dall’altra, serve a chiamare sulla scena gli adulti affinché si facciano carico di quell’educazione affettiva e sessuale che oggi serve più che mai e che quasi nessuno mette a disposizione dei più piccoli. Parla con le maestre, invitale a parlare con i bambini di affetto e sessualità, spiegando che questa dimensione della vita è delicata e bellissima e come tale va trattata. Mentre il loro gioco serve solo a “mal-trattarla”.

Chiedi di leggere con loro libri come Ti racconto di te e di noi di Pediatra Carla (De Agostini ed.) o L’amore cos’è che ho scritto con B. Tamborini (Mondadori). Tutti noi adulti dobbiamo oggi imparare a inserire questo tema nel nostro progetto formativo di genitori e di educatori perché i nostri figli sono immersi in un mondo dominato dalla pornografi a, come spiega molto bene anche Lilli Gruber in Non farti fottere (Rizzoli), la cui lettura è oggi più che mai necessaria.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo