Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 18 maggio 2024
 
dossier
 

A Tassette un ospedale per le donne

21/05/2015  Attrezzature e fondi italiani per un presidio destinato a dare sollievo alle donne e ai loro bambini.

L'inaugurazione del presidio sanitario (foto R. Burigana).
L'inaugurazione del presidio sanitario (foto R. Burigana).

«Sarà pronto entro il prossimo 15 giugno, per quella data entrerà in funzione», è con soddisfazione che il costruttore svizzero Roland Recordon spiega le ultime modifiche apportate al progetto italiano, nato dagli architetti Matteo e Alice Poggesi di Figline-Incisa Valdarno. All’inizio era stato pensato di ristrutturare il vecchio presidio sanitario, ma poi viste le condizioni è stato giustamente deciso di buttarlo giù e ricostruirlo ex novo. Idea vincente visti i risultati. Ospiterà cinque posti letto, un locale farmacia, una stanza per le visite, servizi e un ampio portico dove le persone potranno aspettare di essere visitate.

E’ stato Andrea Cherici, con alcuni ragazzi del villaggio di Tassette a porre la targa (realizzata a Incisa) in rame con l’iscrizione «Hopital Cristina». Infatti per desiderio di tutti, e per decisione del sindaco di Tassette, il presidio sanitario è stato dedicato a Cristina Cherici.

Dall’Italia arriveranno gli strumenti sanitari e una ambulanza in grado di percorrere le piste della savana. All’inaugurazione era presente anche Aldo Cera, responsabile per la cooperazione Italiana dell’Ambasciata che ha giurisdizione sul Senegal, Capo Verde,  Gambia, Guinea Conakry, Guinea Bissau e il Mali, e Giuseppe Capaldo,  responsabile ortofrutta del Consorzio COOP Nord Ovest.

Il presidio è posto al centro del villaggio, davanti all’ufficio postale, sulla strada principale quindi facilmente raggiungibile da tutti. Le donne erano particolarmente felici perché i bambini potranno essere subito visitati e curati, e anche i mesi della maternità potranno essere vissuti con maggiore serenità senza doversi sottoporre a lunghi viaggi per raggiungere l’ospedale della città di Thies.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo