logo san paolo
venerdì 28 gennaio 2022
 
Serbia-Albania
 

A trent'anni dall'Heysel, il calcio non ha imparato

15/10/2014  L'Uefa che ha evitato di incrociare Spagna-Gibilterra e Armenia-Azerbajan non poteva immaginare il rischio di Serbia-Albania? E Ivan il terribile che ci faceva ancora allo stadio?

Che le partite di calcio, in particolare alcune, possano diventare un problema di ordine pubblico non è un mistero. Non serviva fervida fantasia, per immaginare che un incrocio Serbia-Albania alle  qualificazioni in vista dei prossimi Europei sarebbe stato premessa per situazioni esplosive. Anche se magari non avremmo immaginato che si sarebbe arrivati allo striscione volante – più difficile fermare un drone che uno striscione vecchia maniera ai controlli -, restava il problema enorme di una partita a rischio – diventata realtà: vedi drone che vola sullo stadio di Belgrado con la bandiera della "Grande Albania" – e probabilmente di uno stadio non adatto a contenerla. Tanto è vero che la partita è stata interrotta al 41° del primo tempo.

E allora ci si chiede: l’Uefa che aveva fatto in modo
- nessun trucco, semplicemente l’accortezza di sistemare squadre a rischio nei cinque bussolotti destinati al sorteggio in modo da evitare scintille-, dichiarandolo apertamente sul suo sito, di regolamentare il sorteggio evitando lo scontro diretto di Armenia e Azerbaijan e di Spagna-Gibilterra non poteva fare lo sforzo di fantasia di evitare, per le stesse ragioni politiche, anche Serbia- Albania?

Non solo, il precendente di Italia-Serbia 2010, interrotta per disordini, provocati dagli ultrà serbi, avrebbe dovuto suggerire ulteriori cautele. Per esempio, che ci faceva ancora sugli spalti di Serbia-Albania il tifoso noto con il soprannome di Ivan il terribile, dopo le performance di Italia-Serbia 2010, di cui era stato non edificante protagonista? L’hanno riconosciuto tra gli invasori di campo di Serbia-Albania.

Terzo problema: quando è scoppiata la rissa in campo, quando il serbo Stefan Mitrovic ha fermato il drone, alcuni tifosi sono riusciti a entrare sul terreno di gioco: per fortuna sono entrati in pochi - sufficientemente pochi da farci dire che il servizio d'ordine ha tenuto? -, abbastanza svelti però da afferrare una sedia e darla in testa a un giocatore albanese, ma quanto è mancato perché sfondassero in tanti?

Tra qualche mese faranno trent’anni dall’Heysel e delle due l’una: o il calcio ha la memoria corta o non ha imparato niente.

Tag:
Multimedia
Serbia-Albania, scontri dentro e fuori dal campo
Correlati
Scontri Serbia Albania: quando il calcio diventa politica
Correlati
Serbia-Albania, scontri dentro e fuori dal campo
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo