logo san paolo
lunedì 25 ottobre 2021
 
un bilancio
 

Amoris Laetitia, un anno dopo: la Chiesa alla scuola della famiglia

28/04/2017  Dal 28 aprile al primo maggio, ad Assisi, la diciannovesima Settimana nazionale di studi sulla spiritualità coniugale e familiare: si moltiplicano le iniziative che abbracciano tutte le realtà, divorziati risposati inclusi. La riflessione di don Paolo Gentili, direttore dell'Ufficio nazionale per la pastorale della famiglia della Conferenza episcopale italiana (Cei).

Qualche mese fa, sorridendo, il Santo Padre mi ha chiesto: «Ti è aumentato il lavoro con l’Amoris laetitia?». Ho risposto che si è generato un fiume in piena per tutti noi ed è bellissimo. L’Amoris laetitia non è il capriccio solitario di un Papa illuminato: è voce di popolo e voce di Chiesa. È nata infatti da un lungo ascolto. Con i miei collaboratori abbiamo volentieri passato le nottate a sfogliare le risposte pervenute da tutta Italia alla doppia consultazione di popolo, accompagnando l’intenso percorso sinodale che ne è scaturito. L’VIII capitolo, in particolare, è frutto di questo ampio confronto.

Papa Francesco, con le stesse note del Magistero di sempre, ha composto una musica nuova: «Gesù vuole una Chiesa attenta al bene che lo Spirito sparge in mezzo alla fragilità» (AL 308). In quanti giovani c’è un desiderio di “fare famiglia” che non trova compimento per mancanza di stabilità lavorativa? Molti restano a lungo conviventi perché «sposarsi è percepito come un lusso» (AL 294). Per altri, il matrimonio è solo un pesante vincolo. I padri sinodali hanno sottolineato che è mancato un annuncio gioioso del sacramento delle nozze. «Molte volte abbiamo agito con atteggiamento difensivo e sprechiamo le energie pastorali moltiplicando gli attacchi al mondo decadente, con poca capacità propositiva per indicare strade di felicità» (AL 38). Occorrono allora i nuovi occhiali che lo Spirito Santo ci offre per leggere con gioia la post-modernità, superando lo sgomento che ci intristisce.

Siamo in grado di riconoscere «la brace che arde ancora sotto le ceneri» (AL 114)? Io l’ho trovata in un uomo in cammino verso il diaconato permanente a Mazara del Vallo, che accogliendo profughi, insieme a sua moglie, profumava più di famiglia che di incenso. L’ho percepita nelle coppie della diocesi di Treviso che, dopo essersi preparate con il Master in matrimonio e famiglia, attingendo alla loro esperienza di fragilità accompagnano ora le famiglie spezzate. L’ho vista risplendere in Benedetta, bimba Down con occhi dolcissimi, al Convegno delle famiglie di Abruzzo-Molise; abbandonata nell’ospedale di Chieti alla nascita, è stata accolta e ha fatto diventare la sua nuova famiglia fabbrica di speranza. «Il principio del realismo spirituale» (AL 320) lo si trova incarnato anche presso la parrocchia dei S.S. Filippo e Giacomo a Capua. Lì i gruppi famiglia hanno realizzato la “Casa della Divina Misericordia”: per 365 giorni all’anno vengono serviti decine di pasti e ospitati decine di fratelli senza tetto, nella luce di Mt 25 e in vero clima domestico. Questa è la musica nuova dell’Amoris laetitia e l’orchestra siamo tutti noi.

I vostri commenti
3
scrivi

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 57,80 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%