Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 24 aprile 2024
 
Le domande dei papà
 

«A volte il catechismo allontana dalla fede»

20/06/2023  «Ci sono catechiste che propongono la nostra fede in un modo che sarà andato bene cento anni fa, ma che ora non arriva certo a toccarli da vicino: spiegazioni minuziose di riti, vecchie devozioni e persino qualche allusione miracolistica che tocca i toni del magico…» Leggi la nostra risposta

Da padre, credente e praticante, vorrei far notare che non possiamo lamentarci se i bambini sono sempre più lontani dal messaggio cristiano. Ci sono catechiste che propongono la nostra fede in un modo che sarà andato bene cento anni fa, ma che ora non arriva certo a toccarli da vicino: spiegazioni minuziose di riti, vecchie devozioni e persino qualche allusione miracolistica che tocca i toni del magico… Parlo di quel che conosco, una signora molto gentile e molto anziana, ma ho sentito che anche altri genitori si lamentano. Noi proviamo a proporre altro ma, come accade nel caso della scuola, ognuno ha il suo compito, genitori da una parte, educatori dall’altra.

Fausto

Caro Fausto, mi hai fatto ricordare una lamentela simile alla tua, che tanti anni fa ho fatto presente al nostro anziano amato parroco che mi ha risposto con severità: “Perché non vieni tu a farlo?”, lasciandomi senza parole, anche se con un lavoro a tempo pieno e tre figli avrei avuto una buona scusa... Per prima cosa, quindi, dobbiamo ringraziare la generosità dei volontari che ancora oggi si rendono disponibili a questo servizio e che – ne sono certa – con la loro gentilezza e autenticità rimarranno comunque nel cuore dei bambini. Ricordiamoci che, al di là delle parole, c’è sempre una fondamentale comunicazione di altro tipo aiutata dalla presenza di ben Altro! Nello stesso tempo ti vorrei segnalare l’esperimento interessante di Sara Masella che, basandosi sulla sua lunga esperienza di educatrice e insegnante di Religione a Taranto, ha realizzato un manuale intitolato Andare a scuola di emozioni (Carello). Incontrando l’umanità di Gesù, i bambini sono invitati a parlare delle proprie fragilità e dei propri desideri, accompagnati in un percorso che prevede racconto, ascolto, disegno e rappresentazioni.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo