logo san paolo
giovedì 07 luglio 2022
 
 

Se Bobo ribacia il rospo Silvio

07/01/2013  Molte proteste leghiste dopo l'annuncio del patto elettorale tra Berlusconi e Maroni. Sui social network i commenti negativi degli iscritti e dei simpatizzanti del Carroccio

E i cambiamenti? I tanto invocati, auspicati - da destra a sinistra – cambiamenti, che fine hanno fatto? Ecco, appunto, come stanno i cambiamenti? Che fa il Paese? E, soprattutto, che fa il vento padano che spazza l’aria pesante del passato? Beh, insomma, il cambiamento stavolta si chiama alleanza Lega Nord-Pdl e il vento appare più un refolo che un tifone. Troppo poco? Vi aspettavate di più? Vabbè, sarà per la prossima volta.

Nel frattempo, che ne dicono gli elettori leghisti, i seguaci del Carroccio, dell’accordo annunciato da Silvio Berlusconi di mattina e da Roberto Maroni al pomeriggio? Il Pdl e la Lega Nord correranno insieme nel tentativo di stoppare “le sinistre” e Monti e riconquistare, soprattutto, la regione Lombardia del dopo-Formigoni. Ma questa nuova santa alleanza elettorale porterà davvero voti, darà la vittoria?

L’anima leghista oscilla e si divide. Vorrebbe mandare tutti e ramengo ma alla fine accetta con rassegnazione, più che con la fede nell’idea primigenia: l'anelito di libertà padana passa per l'accordo col Pdl. Il sito della Lega Nord, i profili sui social network di Maroni e dei suoi sono stati presi d’assalto. Oh, intendiamoci, niente rivoluzioni; per quella c’è sempre tempo, come i leghisti ben sanno da un trentennio circa. Ma oltre ai fedelissimi a oltranza, una parte notevole di sconcertati si somma ai delusi e a quelli che democristianamente si dicono pronti a turarsi il naso per la causa e a chi, addirittura, dichiara di voltare le spalle al futuro radioso della Padania.

E lo fanno tutti con toni seri: niente parolacce, niente dialetti, solo lingua italiana, perché quando il momento lo richiede, anche un leghista padano si rifugia tra le gonne di mamma Italia. Così, la decisione della segreteria Maroni non sembra essere stata accolta con barbare urla di gioia padana, ma con scetticismo, fino a scivolare nell’italico, antico, meridionalissimo, ma sempre efficace: chi ha avuto ha avuto, chi ha dato ha dato. E l’identikit del leghista è davvero variopinto, a leggere i commenti. Qualche esempio? Buona lettura!
P. S. I testi sono originali, senza correzioni e provengono dai profili Facebook di Roberto Maroni e dal sito della Lega Nord.

Leghista perduto: «Profondamente deluso, avvilito, umiliato, abbandono la Lega Nord definitivamente, ma con grande dispiacere. Mi sento tradito».

Leghista “tutto fa brodo”: «Basta vincere... Del resto non mi importa!».

Leghista politico-speranzoso: «Andare da soli era una scelta coraggiosa ma anche masochista, si correva il rischio di consegnare Lombardia, Veneto, Friuli, alla sinistra. Con quale risultato Bersani ci ringraziava, in questo modo invece si ha la gran possibilità di governare la Lombardia, di mettere sotto in Veneto e Friuli la sinistra, rendendo così il Senato della Repubblica di colore opposto alla Camera dei Deputati».

Leghista contabile: «Mi sembra che le poltrone in più le guadagna il Pdl che invece di mandare a Roma 30 senatori ne manderà 45»

Leghista catastrofico: «In questo modo state preparando il nuovo governo Monti che continuerà a prendere ai poveri per dare ai ricchi».

Leghista separatista: «The end del mio sogno padano... Mai con grande sud».

Leghista dubitativo: «Non condivito totalmente, ma x il risultato che dobbiamo ottenere in Lombardia accetto».

Leghista entusiasta: «Grande Bobo, siamo tutti con te!! Qualsiasi decisione prendi, sappiamo che non è x qualche cadrega, ma per un obiettivo più grande!! Io mi fido e so che vinceremo!!».

Leghista animalista: «Differenze tra prima ed ora. Prima la Lega era il cagnolino fedele di Berlusconi, ora il Berlusca ha accettato tutte le condizioni poste dalla Lega».

Leghista malinconico: «Quante promesse ci ha fatto Berlusconi negli anni e poi nessuna è stata raggiunta come Devoluzione e Federalismo».

Leghista ultimativo: «Speriamo sia la scelta giusta! Da qui non si torna più indietro!».

Leghista orgoglioso: «Noi ci alleiamo con il Pdl... No il Pdl si allea con noi!».

Leghista deluso: «La ramazza o la cadrega Bobo? Questo è il dilemma. Che delusione...».

Leghista abbattuto: «I militanti se ne vanno tutti. Invece i poltronari piccoli e grandi si stanno già sfregando le mani soddisfatti».

E chi della Lega non è? Eccone tre, per tutti.
 
Non-leghista caustico: «Vi siete fatti infinocchiare di nuovo dal ciarlatano della libertà... Cosa dice la vs base?».

Non-leghista contabile: «Fate anche raccolta fondi per aiutare Silvio a pagare 100.000 euro a giorno per gli alimenti alla ex moglie?».

Non-leghista sghignazzante: «Il Nano che accetta le Vs condizioni? Mi viene da ridere. Andate a braccetto con lui da tanto tempo e ancora fate finta di non conoscerlo? Ma quando mai Berlusconi a ceduto alle richieste di qualcuno... Fate ridere!!! La vs base è con Voi? Avete sgovernato la Regione».

I vostri commenti
6

Stai visualizzando  dei 6 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo