Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 31 maggio 2024
 
Il teologo
 

Adamo ed Eva, insieme segno della somiglianza divina dell’umanità intera

03/06/2022  Se è vero che Adamo ed Eva sono esistiti, allora perché Dio non è stato in grado di perdonarli?

 

MONIA - Adamo ed Eva sono esistiti? Se sì, perché Dio dopo il peccato non ha saputo perdonarli?

 

Di Adamo ed Eva si parla nei primi capitoli della Genesi (in Genesi 4,1 vengono nominati la prima e unica volta insieme), che non vanno interpretati come un resoconto storico quanto piuttosto come una profonda
riflessione sapienziale sul creato e sull’umanità voluta da Dio. Il nome “Adam” significa “uomo”, indica l’umanità in senso collettivo (in Genesi 2,7 c’è un gioco di parole in ebraico tra adam e adamah, “suolo”, per dire che l’uomo è tratto dalla terra, è “terroso”); mentre il nome “Eva”, in ebraico hawwah (dal verbo “vivere”, quindi “vivente”), le viene dato da Adam «perché ella fu la madre di tutti i viventi» (Genesi 3,20).
Molto più importante dell’esistenza storica, ciò che conta nei racconti sulla creazione dell’essere umano uomo-donna è che essi descrivono l’umanità nella sua altissima dignità (essere fatti a immagine
e somiglianza di Dio, Genesi 1,26) e insieme nella sua estrema fragilità che si mostra nella caduta (Genesi 3,1–19); Dio, tuttavia, non l’abbandona nel suo peccato, ma promette la salvezza (Genesi 3,15.21).

 

 

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo