logo san paolo
sabato 18 settembre 2021
 
IL RICORDO
 

Addio a Aznavour, l'istrione che fece piangere Wojtyla

01/10/2018  Si è spento a 94 anni il grande cantante francese di origini armene. Una vita intensissima illuminata anche da una profonda fede. Come quella volta nel 2001 in cui Giovanni Paolo II venne in visita nella sua terra natale...

Charles Aznavour sul set del film di animazione "Up" in cui è stato doppiatore
Charles Aznavour sul set del film di animazione "Up" in cui è stato doppiatore

Certo, dispiace sempre quando un grande artista ci lascia. Ma non si può dire che Charles Aznavour, scomparso a 94 anni, non abbia avuto una vita ricca sotto ogni punto di vista. Nato da genitori armeni scampati al genocidio dei turchi, sopravvissuto all'occupazione nazista di Parigi durante la quale la sua famiglia diede rifugio a decine di ebrei, scoperto da Edith Piaf, amico di Marlene Dietrich, autore di circa 1400 canzoni molte delle quali tradotte in italiano, sei figli avuti da tre matrimoni (l'ultimo, però, è durato oltre cinquant'anni), ha composto musica e fatto concerti fino all'ultimo. Era infatti reduce da un tour in Giappone.

E dire che da ragazzo tutti lo prendevano in giro dicendo che era basso e brutto e che quella voce che avrebbe incantato il mondo intero non era un granché. Ma lui ha sempre creduto in sé stesso, come canterà in una delle sue canzoni più celebri: "Io sono un istrione, ma la genialità è nata insieme a me. Nel teatro che vuoi dove un altro cadrà, io mi surclasserò".

Ambasciatore dell'Onu per l'Armenia, nel 2001, quando Giovanni Paolo II visitò il Paese, Aznavour cantò per lui l'Ave Maria di Gounod, facendo commuovere il Papa fino alle lacrime. E quando anni nel 2016 Papa Francesco definì "genocidio" quanto avvenne nella sua terra all'inizio del Novecento, Aznavour gli scrisse una lunga lettera per ringraziarlo del suo coraggio.

Le sue canzoni sono nell'immaginario di tutti, fino a diventare paradigmatiche. Un esempio su tutti? Ed io tra di voi, vero manifesto di tutti gli amanti traditi: "Ed io tra di voi se non parlo mai, ho già visto tutto quanto...".

In Italia lo abbiamo visto l'ultima volta l'anno scorso a Roma. Aveva cantato per la millesima volta "devi saper lasciar la vita. Ma l'amo troppo ancor e dirle addio non so". Ora quel momento è arrivato. Arrivederci, magnifico istrione.

 

Multimedia
Charles Aznavour: le canzoni indimenticabili
Correlati
I vostri commenti
3
scrivi

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 57,80 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%