logo san paolo
mercoledì 08 dicembre 2021
 
Lutto
 

Addio a suor Candida, la religiosa più anziana del mondo

29/05/2017  Si è spenta domenica nel Convento di Lucca delle Ministre degli infermi di San Camillo de Lellis. La suora aveva compiuto 110 anni lo scorso 20 febbraio

Ha lasciato questa terra con la serenità che l’ha sempre contraddistinta nei suoi 110 anni di vita. È morta domenica a Lucca, nella sede delle Ministre degli Infermi di via Elisa, 4, suor Candida Bellotti, la religiosa di origini venete che si era distinta per la sua straordinaria longevità. Il 20 febbraio scorso aveva festeggiato l’ultimo compleanno circondata dal vescovo di Lucca Italo Castellani, dalla superiora provinciale suor Giuliana Fracasso e dalle consorelle. Per lei anche una speciale benedizione di Papa Francesco, che le aveva rivolto “vive felicitazioni e fervidi auguri”.

Di origini venete, suor Candida (al secolo Alma Bellotti) apparteneva alla congregazione delle Ministre degli infermi di San Camillo de Lellis, che operano negli ospedali, nelle case di riposo e nei luoghi di cura, promuovendo la pastorale della salute e l'educazione sanitaria di base. Dagli anni ’30 aveva prestato la sua opera come infermiera professionale in diverse città italiane, dedicandosi anche alla formazione delle giovani consorelle. Nel 2000, all’età di 93 anni, era stata trasferita nella casa madre di Lucca per un meritato riposo.

Dieci i Pontefici che si sono succeduti durante la vita di suor Candida, fino a papa Francesco, che ha avuto il privilegio di incontrare nel 2014 a Roma, in occasione del suo 107esimo compleanno, partecipando alla messa celebrata nella Domus Santa Marta e ricevendo la sua benedizione. Adesso, dopo una vita ricca di frutti e spesa con gioia al servizio degli altri, suor Candida rimarrà nel ricordo di chi l’ha conosciuta e apprezzata per il suo fervido attivismo, la sua saggezza e la sua ironia. L’ultimo saluto le sarà riservato martedì 30 maggio alle ore 17 nella chiesa della Santissima Trinità di Lucca.

«Il segreto per vivere tanto», affermava, «è prendere le cose come vengono». Negli ultimi tempi esortava in particolare i giovani dicendo: «Abbiate fiducia nel futuro e impegnatevi al massimo per realizzare i vostri desideri». A chi le chiedeva quale fosse il segreto della sua gioia rispondeva: «Ascoltare la voce di Cristo ed essere docili alla sua volontà. In tutta la mia vita ho sempre pensato: dove il Signore mi mette, quello è il posto giusto per me». E alla gente che le chiedeva consiglio diceva: «Amare, amare e ancora amare. Ma con gioia».

Multimedia
... E sono 110 le candeline per suor Candida!
Correlati
I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo