logo san paolo
lunedì 06 dicembre 2021
 
Protagonisti
 

Addio ad Arnoldo Foà, testimone del '900

11/01/2014  Grande protagonista della cultura del '900, avrebbe compiuto 98 anni il 24 gennaio.

Con la morte di Arnoldo Foà, l'Italia e l'Europa perdono un grande testimone del '900. Oltre alla sua statura come intellettuale e uomo di cultura, va infatti ricordato il suo costante impegno civile, tanto che il suo nome era stato proposto per la nomina a senatore a vita.

Grande interprete teatrale, Foà lavorò anche per il cinema, tra gli altri con Pietro Germi, Alessandro Blasetti, Orson Welles, Joseph Losey ed Ettore Scola. Prestigiosa la sua attività in scena con grandi registi (Visconti, Strelher, Menotti, Ronconi). Non disedegnò nemmeno la partecipazione ad alcune delle più note produzioni della televisione italiana. Fu autore di diversi libri. Fra gli ultimi, Autobiografia di un artista burbero (Sellerio editore, 2010), è una sorta di testamento spirituale.

La promulgazione delle leggi razziali lo aveva costretto nel 1938 a lasciare il Centro nazionale di cinematografia e a usare nomi fittizi per lavorare. Rigugiatosi a Napoli, diventò capo-annunciatore e scrittore della Radio Alleata Pwb: fu lui a comunicare l'Armistizio, l'8 settembre del 1943.

"Una figura esemplare di artista, di interprete della poesia e del teatro, animato da straordinaria passione civile e capace di trasmettere emozioni e ideali al pubblico più vasto", è stato il saluto del presidente Giorgio Napolitano. "Desidero rendere omaggio alla sua lunga fatica, al suo forte senso di attaccamento ai valori democratici della nostra Repubblica, e ricordare con animo commosso le molteplici occasioni di incontro e di profonda sintonia che mi hanno legato a lui".

"Con la scomparsa di Arnoldo Foà tutti noi siamo più poveri. Foà ha saputo interpretare la storia contemporanea del nostro Paese. Un attore immenso capace di entrare nell'immaginario collettivo di tutti noi. Un uomo coerente, coraggioso e dai grandi valori, che si è schierato a fianco della libertà negli anni più bui della nostra nazione. I suoi personaggi portati in scena in teatro, alla radio e in televisione hanno arricchito culturalmente e divertito generazioni di italiani. Arnoldo Foà aveva il carisma dei grandi personaggi e l'umiltà dei semplici, a lui l'Italia e Roma saranno sempre riconoscenti". Così lo ha ricordato il sindaco di Roma Ignazio Marino.

I vostri commenti
2

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo