Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 19 luglio 2024
 
IL RICORDO
 

Addio al Cardinale Severino Poletto, arcivescovo emerito di Torino

18/12/2022  Originario di Salgareda (Treviso), aveva 89 anni. È stato  al governo della diocesi di Torino dal 1999 al 2010 quando gli è succeduto monsignor Cesare Nosiglia

È morto, a Testona di Moncalieri (Torino), nella casa dove si era ritirato dopo aver lasciato la guida della diocesi, il cardinale Severino Poletto, arcivescovo emerito di Torino. Originario di Salgareda (Treviso), aveva 89 anni. È stato  al governo della diocesi di Torino dal 1999 al 2010 quando gli è succeduto monsignor Cesare Nosiglia. Aveva seguito la sua famiglia, emigrata in Piemonte nel 1952 in cerca di lavoro. Ultimo di 11 figli di cui due scomparsi in tenera età, dopo aver iniziato gli studi al seminario di Treviso, era passato al Seminario Maggiore di Casale Monferrato (Alessandria). Ricevuta l'Ordinazione presbiterale dal Vescovo monsignor Giuseppe Angrisani il 29 giugno 1957, fu inviato come viceparroco a Montemagno (Asti) dove rimase quattro anni. Nel 1980 a 47 anni Monsignor Poletto divenne vescovo Coadiutore di monsignor Giovanni Dadone, arcivescovo, vescovo di Fossano. Per dieci anni  Poletto è stato segretario della Conferenza episcopale piemontese. Il 16 marzo 1989 gli fu affidata la diocesi di Asti. Nel giugno del 1999 il trasferimento a Torino deciso dal Papa per succedere al cardinal Giovanni Saldarini

Creato cardinale nel Concistoro del 24 febbraio 2001, sul sagrato della basilica di San Pietro, insieme con altri 36. Il 10 aprile del 2010 aprì la solenne ostensione della Sindone che conclusa il 23 maggio, solennità di Pentecoste, pochi mesi prima del termine del suo mandato. 

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo