Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 26 maggio 2024
 
 

"Adel", l'avvocato dei vu cumprà

07/08/2010  Adele Cammareri da anni si occupa di volontariato legale, difendendo venditori ambulanti senegalesi, immigrati latinoamericani, persone indigenti.

    «Quando torno a Roma, molto di loro mi riconoscono, mi salutano, mi abbracciano. Quasi nessuno conosce il mio cognome, ma per tutti loro io sono semplicemente "Adel"». Loro sono i vu cumprà, i venditori ambulanti, per la maggior parte senegalesi, ma anche di altri Paesi africani. E lei è Adele Cammareri, avvocato di 38 anni, originaria di Trapani, che da molti anni è impegnata nel volontariato legale, assumendo la difesa di persone povere, disagiate e con difficoltà, che non possono permettersi di pagare un regolare difensore. 

    «Dopo la laurea a Palermo, dalla Sicilia mi sono trasferita a Roma, per fare pratica in uno studio legale», racconta la Cammareri, «lì ho cominciato a prendere contatto con i giovani senegalesi che vendevano mercanzia per le strade del quartiere e ho cominciato a seguirli per consulenze legali». La prima parcella? «Un piatto di riso cucinato da loro. Avevamo stipulato un accordo: io li avrei aiutati e loro, in cambio, mi avrebbero dato un piccolo compenso, anche solo 50 euro, quando avessero guadagnato abbastanza». Del resto, per Adele, animata dall'idea della difesa dei più deboli, vale un principio di fondo: «Per ogni povero che non potrà pagarmi, passerà un ricco che pagherà qualcosa in più per lui».

    In breve tempo, nella cerchia dei senegalesi a Roma si sparge la voce, i vu cumprà attivano un passaparola fra i loro amici e parenti, così la clientela cresce, il nome di Adele circola anche nelle carceri. E lei si ritrova a essere il punto di riferimento legale di una comunità, a ricevere i suoi clienti stranieri al bar di fronte allo studio, una sorta di ufficio parallelo. «La maggior parte di loro aveva dei procedimenti penali per vendita di merce contraffata, che, a differenza di quanto molti pensano, è un reato. Quasi tutti avevano anche 15 o 16 processi in corso. Molti poi non avevano il permesso di soggiorno, ma di questo aspetto io non mi occupavo». 

    A Roma, la Cammareri si laurea anche in Diritto canonico all'Università pontificia. Nel 2005 si sposa con un avvocato bergamasco e si trasferisce per amore nella città lombarda, dove apre uno studio, mantenendo comunque anche quello a Roma. Oggi Adele e suo marito Alfio hanno un bambino e una bambina, di 3 anni e 1 anno e mezzo. A Bergamo la Cammareri prosegue la sua attività di volontariato: «Quando mi sono trasferita i vu cumprà di Roma hanno avvertito i loro parenti e amici a Bergamo di rivolgersi a me». Inoltre, Adele presta consulenze una volta a settimana in un Centro pastorale vicino a casa sua che segue e aiuta gli immigrati latinoamericani; spesso le persone indigenti bussano alla sua porta.  

    Nella capitale torna spesso. Ha mantenuto rapporti stretti e amicizie con molti senegalesi,  ha imparato  a parlare un po' di wolof. «Parecchi sono poi tornati in Senegal. Tanti di loro mi telefonano ancora. Quando mi sono sposata un rappresentante della comunità senegalese di Roma è venuto al nostro matrimonio in Sicilia. Io sono diventata, insomma, una di loro».

I vostri commenti
2

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo