logo san paolo
martedì 28 giugno 2022
 
dossier
 

Adolescenti e bullismo, nel 2020 molti si sono sentiti ancora più soli

05/02/2021  Nell’anno del Covid il 93% dei giovani esprime tutta la sofferenza per il senso di solitudine, con un aumento del 10% rispetto al 2019. Lo rivelano i dati dell'Osservatorio indifesa. Bullismo e Cyberbullismo rimangono una delle minacce più temute tra gli adolescenti, dopo droghe e violenza sessuale. Ragazzi e ragazze non si sentono al sicuro sul web

Preoccupano i numeri di quella che sembra essere un’esperienza di sofferenza quotidiana per troppi giovani: il 68% di loro dichiara di aver assistito ad episodi di bullismo, o cyberbullismo, mentre ne è vittima il 61%. Ragazzi e ragazze esprimono sofferenza per episodi di violenza psicologica subita da parte di coetanei (42,23%) e in particolare il 44,57% delle ragazze segnala il forte disagio provato dal ricevere commenti non graditi di carattere sessuale online. Dall’altro lato l’8,02% delle ragazze ammette di aver compiuto atti di bullismo, o cyberbullismo, percentuale che cresce fino al 14,76% tra i ragazzi. 

Sono i dati emersi dall'Osservatorio InDifesa, nato dalla collaborazione di Terre des Hommes con ScuolaZoo, che per tutto il 2020, anno in cui i ragazzi hanno vissuto sulla loro pelle il disagio psicologico provocato dall'isolamento e del distanziamento sociale, ha condotto l'indagine. 6.000 adolescenti, dai 13 ai 23 anni, provenienti da tutta Italia. hanno risposto alle domande dei ricercatori mostrando le pesanti conseguenze, per i giovanissimi italiani:  il 93% degli adolescenti ha affermato di sentirsi solo, con un aumento del 10% rispetto alla rilevazione precedente. Un aumento ancora più significativo se si pensa che la percentuale di chi ha indicato di provare solitudine “molto spesso” è passata dal 33% a un drammatico 48%.

Tra i partecipanti alla rilevazione 6 su 10 dichiarano di non sentirsi al sicuro online. Sono le ragazze ad avere più paura, soprattutto sui social media e sulle app per incontri, lo conferma il 61,36% di loro. Tra i rischi maggiori sia i maschi che le femmine pongono al primo posto il cyberbullismo (66,34%), a seguire per i ragazzi spaventa di più la perdita della propria privacy (49,32%) il Revenge porn (41,63%) il rischio di adescamento da parte di malintenzionati (39,20%) stalking (36,56%) e di molestie online (33,78%). Mentre dopo il cyberbullismo, l’incubo maggiore per le ragazze è il Revenge porn (52,16%) insieme al rischio di subire molestie online (51,24%) l’adescamento da parte di malintenzionati (49,03%) e la perdita della propria privacy (44,73%).

 

Multimedia
Le parole lasciano ferite! Non stropicciare "quel foglio"
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo