logo san paolo
mercoledì 14 aprile 2021
 
 

Adro, il benefattore è Cavaliere

21/01/2012  Silvano Lancini saldò le rette arretrate della mensa che alcune famiglie, quasi tutte straniere, non ce la facevano a pagare. Il presidente Giorgio Napolitano ne premia la generosità.

Il Quirinale ne ha apprezzato generosità e misura. Giorgio Napolitano ha firmato. E così Silvano Lancini, il “benefattore di Adro” sarà Cavaliere della Repubblica. “Non mi interessa la notorietà, voglio solo non vergognarmi per quello che accade nel mio Comune”, aveva dichiarato nel 2010 quando era intervenuto in difesa dei bambini che il sindaco leghista Oscar Lancini voleva lasciare senza mensa perché in ritardo con i pagamenti. 

Aveva saldato lui, con un assegno di 10.000 euro, tutto il dovuto e si era schierato con l’associazione che gestiva la mensa e che non aveva intenzione di discriminare i ragazzini. La vicenda, che risale all’aprile del 2010, è nota: 40 bambini avevano ricevuto l’avviso di sospensione del servizio mensa perché i genitori non avevano pagato le relative rette. Dopo l’avviso alcuni si erano messi in regola, ma le famiglie di altri 24 bambini,  in stato di necessità, non erano riusciti a pagare il dovuto. 

L’imprenditore, fondatore e amministratore della Smea di Erbusco, specializzata nella consulenza e nella fornitura di prodotti informatici, si era sentito in dovere di intervenire. Lo aveva fatto anonimamente, ma il suo nome era venuto presto a galla. Le motivazioni, spiegate in una lettera che Famiglia Cristiana ha pubblicato integralmente, ne avevano fatto un eroe buono, un paladino dei deboli, mentre lui continuava a ripetere “ho fatto solo il mio dovere”. 

«Non sono comunista. Alle ultime elezioni ho votato Formigoni», aveva scritto tra l'altro. «So perfettamente che tra le 40 famiglie ci sono furbetti che ne approfittano. Ma vedo intorno a me una preoccupante e crescente intolleranza verso chi ha meno (...) I miei compaesani si sono dimenticati in poco tempo da dove vengono».  

Adro. Rimossi i simboli leghisti messi un po' ovunque nella scuola. Foto Ansa.
Adro. Rimossi i simboli leghisti messi un po' ovunque nella scuola. Foto Ansa.

Per il primo cittadino di Adro, Oscar Lancini, noto anche per la vicenda del simbolo del Sole della Alpi che era stato disseminato ovunque nel nuovo complesso scolastico inaugurato nell'anno 2010-2011, è un’altra cattiva notizia. Infatti, mentre il suo quasi omonimo incassa il plauso della presidenza della Repubblica, il Comune è stato condannato a risarcire otto stranieri che erano stati esclusi dal bonus bebè e una marocchina esclusa dal bonus affitto cui aveva diritto. 

A metà novembre il sindaco, dopo le due condanne in primo e secondo grado, aveva tentato una mossa che per i più aveva il solo scopo di aumentare il conflitto sociale. Aveva infatti chiesto agli italiani che avevano ottenuto il bonus di restituirlo per darlo agli stranieri. Una mossa simile l’aveva tentata anche l’amministrazione comunale di Brescia che aveva ritirato il bando del bonus bebè dicendo al contempo: “per colpa loro non lo avrete neanche voi”. Allora il Tribunale intimò al comune di Brescia di riaprire il bando e includere tutti quelli che ne avevano diritto italiani o stranieri che fossero. 

Per Adro il Tribunale ha ordinato di versare subito i 524 euro per l’affitto cui aveva diritto la signora marocchina e un totale di 2.446 euro, pari al 50 per cento del contributo, agli altri ricorrenti. 

I vostri commenti
3
scrivi

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 57,80 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%
    PAROLA E PREGHIERA
    € 33,60 € 33,50
    VITA PASTORALE
    € 29,00
    GAZZETTA D'ALBA
    € 62,40 € 53,90 - 14%