Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 27 maggio 2024
 
solidarietà negata
 

Afghanistan, aumentano le Ong costrette a cessare l'attività dopo l'ultimo divieto dei talebani

27/12/2022  Le autorità di Kabul hanno ordinato alle Organizzazioni non governative straniere e nazionali di sospendere l'assunzione di donne, presumibilmente perché alcune non indossavano correttamente il velo islamico. Action aid, Save the Children, Norwegian Refugee Council, Care e International Rescue Committee hanno sospeso le loro operazioni umanitarie perché, hanno detto, senza lo staff femminile non possono raggiungere efficacemente bambini, donne e uomini in condizioni di disperato bisogno.

Donne in Afghanistan. Sopra e in alto: foto dell'agenzia Ansa. In copertina: foto dell'agenzia Reuters.
Donne in Afghanistan. Sopra e in alto: foto dell'agenzia Ansa. In copertina: foto dell'agenzia Reuters.

Cresce il numero delle Organizzazioni non governative che stanno sospendendo, in tutto o in parte, le loro attività in Afghanistan a seguito del divieto dei Talebani a questi organismi di far lavorare le donne.  Nelle ultime ore Action aid e Azioni contro la fame si sono aggiunte a Save the Children, Norwegian Refugee Council, Care e International Rescue Committee (Irc) 

Il 24 dicembre i Talebani hanno ordinato a tutte le Ong straniere e nazionali di non lavorare più con le donne, dopo "gravi lamentele" secondo cui non hanno seguito un codice di abbigliamento appropriato. Lo ha annunciato il ministero dell'economia afghano. «Ci sono state gravi lamentele sul mancato rispetto dell'hijab islamico e di altre norme e regolamenti relativi al lavoro delle donne nelle organizzazioni nazionali e internazionali», ha affermato il ministero, responsabile dell'approvazione delle licenze per le ong che operano in Afghanistan.

Le Ong, in modalità e in località diverse, stavan fornendo servizi di assistenza sanitaria, istruzione, protezione dell'infanzia e nutrizione, in un contesto sempre più difficile dal punto di vista delle condizioni umanitarie. Il tutto aggravato dal freddo. Hano fatto sapare che senza il loro staff femminile i loro programmi non possono essere compiutamente portati a termine. Dal canto suo,l il Comitato internazionale della Croce Rossa ha avvertito in una dichiarazione che l'esclusione delle donne dalle scuole e dal lavoro nelle Ong in Afghanistan «“può portare e porterà a conseguenze umanitarie catastrofiche nel breve e lungo termine».

Le Nazioni Unite hanno condannato la decisione dei talebani e affermato che cercheranno di incontrare la leadership talebana per chiarimenti. La Farnesina in un tweet ha espresso la «forte preoccupazione dell'Italia per la decisione delle autorità di fatto di impedire alle donne operatrici umanitarie di lavorare in Afghanistan. Decisione inaccettabile e contraria a principi diritto umanitario. Il ruolo delle donne nelle attività di assistenza è insostituibile".  

Anche il Qatar ha reso nota la sua «estrema preoccupazione», invitando il governo afghano a rivedere la sua decisione. 

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo