logo san paolo
domenica 07 marzo 2021
 
 

Afghanistan, ospedale sotto attacco

25/06/2011  Il nuovo attentato suicida, che ha causato almeno venti vittime soprattutto civili, mette in evidenza quanto sia ancora seria la minaccia del terrorismo nel Paese.

    Hanno preso di mira un ospedale. Hanno ucciso almeno venti  persone e ne hanno ferite almeno quarantacinque: tra loro, donne e bambini ricoverati, persone in visita ai malati e personale ospedaliero. Gli attentatori che, con'autobomba, hanno colpito l'ospedale di Akbarkhail, nel distretto di Azrach, provincia di Logar, in Afghanistan, hanno spietatamente voluto prendere di mira un bersaglio fragile, un luogo popolato di civili.

    In un primo momento il bilancio parlava di almeno sessanta vittime e oltre un centinaio di feriti. Poi, il ministero della Salute di Kabul ha corretto le stime al ribasso. I talebani, in un comunicato, hanno negato di essere i responsabili dell'attacco. L'attentato suicida - il kamikaze ha fatto esplodere un'auto carica di esplosivo all'interno del perimetro dell'ospdedale, a una sessantina di chilometri a Sud di Kabul - mette tuttavia drammaticamente in evidenza la tensione interna in cui l'Afghanistan continua a essere intrappolato.   

    L'attacco arriva soltanto tre giorni dopo l'annuncio di Barack Obama di cominciare il ritiro graduale delle truppe Usa stanziate in Afghanistan: 10 mila militari entro quest'anno, complessivamente 33 mila militari entro l'estate del 2012. Decisione criticata dai vertici militari americani ma molto ben accolta dal presidente afghano Hamid Karzai. Ma il terrorismo non smette di rappresentare una seria minaccia per il Paese e per tutta la regione.

    Lo stesso presidente Karzai lo ha ricordato a Teheran, nel corso della Conferenza internazionale sul terrorismo alla quale sono presenti i capi di Stato dei Paesi della regione: Iraq, Pakistan, Tagikistan e Sudan, oltre all'Afghanistan e all'Iran che ospita il summit. «Nonostante tutti i progressi nei campi dell'istruzione e della ricostruzione delle infrastrutture», ha detto Karzai, «non solo l'Afghanistan non ha ancora raggiunto la pace e la sicurezza, ma il terrorismo si estende e minaccia l'Afghanistan e l'intera area».

I vostri commenti
1
scrivi

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 78,00 € 57,80 - 26%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%
    PAROLA E PREGHIERA
    € 33,60 € 33,50
    VITA PASTORALE
    € 29,00
    GAZZETTA D'ALBA
    € 62,40 € 53,90 - 14%