logo san paolo
giovedì 21 novembre 2019
 
 

Afghanistan, il pericolo estate

03/07/2011  Il caporale Tuccillo, 39° italiano caduto in Afghanistan, è stato ucciso nella stagione più pericolosa. I successi militari e le incognite internazionali.

Il caporalmaggiore scelto Domenico Tuccillo, caduto in Afghanistan.
Il caporalmaggiore scelto Domenico Tuccillo, caduto in Afghanistan.

La morte del caporalmaggiore scelto Domenico Tuccillo, ucciso in Afghanistan (è il 39° soldato italiano a cadere dal 2004) da una mina fatta esplodere al passaggio del suo mezzo, è arrivata nel pieno della stagione più pericolosa. D'estate gli scontri si intensificano e al "fronte" arrivano tutti quei contadini afghani che combattono in cambio di un salario, quando i lavori nei campi sono conclusi.

     Ecco dunque le sparatorie, gli ordigni piazzati lungo le strade, gli agguati, gli attacchi agli alberghi. E gli attentati agli ospedali: due in un mese, il 21 maggio a Kabul, con un bilancio di 6 morti e 23 feriti; il 27 giugno nel distretto di Azra, dove i morti sono stati almeno 30. Il tutto in un momento particolarmente delicato dal punto di vista politico, perché pochi giorni fa il presidente americano Obama ha annunciato il ritiro di 10 mila soldati, prima tappa di un ritiro più massiccio che dovrebbe seguire a breve, per concludersi nel 2014.

     Nonostante il susseguirsi di notizie luttuose, però, da un punto di vista strettamente militare nel 2010 e nel 2011 sono stati fatti sensibili progressi. I talebani (chiamiamo così, per semplicità, l’insieme di bande criminali, trafficanti di droga e guerriglieri che si oppongono alle Autorità afghane e alla forza militare internazionale) sono rimasti all’offensiva dal 2005 a tutto il 2009, ma sono stati bloccati e poi parzialmente ricacciati dalla controffensiva americana dell’estate 2010, seguita all’incremento del contingente (più 30 mila soldati) deciso da Obama nel dicembre 2009.

     Anche la formazione di forze dell’ordine e forze militari afghane procede di buon passo. Sono ormai stati arruolati e istruiti 260 mila uomini, che dovrebbero diventare 300 mila entro la fine dell’anno e 400 mila nel 2013.

    

     Le rivalità internazionali

     La partita, però, si gioca solo parzialmente entro i confini dell’Afghanistan. Pesano molto, sulla situazione del Paese, le dinamiche regionali. Per esempio, i rapporti ormai assai tesi tra Pakistan e Usa. Il Governo pakistano è costretto a fare l’elastico: collabora con gli Usa ma non può farne troppa mostra, sia per non irritare le frange “critiche” dell’esercito e dei servizi segreti, sia per non offrire argomenti alla propaganda dei musulmani radicali. Il Pakistan, però, ha tutto l’interesse a che gli Usa restino in Afghanistan o, almeno, se ne vadano solo dopo aver garantito la sua stabilizzazione: un Afghanistan troppo turbolento o in preda alla guerra civile potrebbe dare il colpo di grazia ai fragili equilibrii pakistani.

     Il tutto mentre l’India, storica nemica del Pakistan, è da tempo buona amica dell’Iran, che ha lungamente sostenuto nella battaglia per il nucleare e con cui stringe relazioni commerciali sempre più intense (nel 2010 scambi per 14 miliardi di dollari, con un incremento di 1,4 miliardi sull’anno prima).

     Sulla regione c’è anche l’occhio della Russia e, forse, la mano della Cina. Iran, Pakistan e India hanno a lungo accarezzato l’idea dell’Ipi (Iran-Pakistan-India), un gasdotto che dovrebbe fornire la rampante economia indiana di grosse dosi di gas naturale iraniano, passando appunto per il Pakistan. Un progetto che non piace per nulla agli Usa, che vedrebbero così vanificate le sanzioni economiche imposte contro l’Iran. I costi e le pressioni americane hanno spinto l’India a ritirarsi, ma Iran e Pakistan hanno deciso di andare avanti e di coinvolgere la Cina nell’impresa.

     Insomma, la solita sarabanda di interessi economici e politici inconciliabili o quasi. L’Afghanistan rischia di diventare il “campo neutro” in cui si scaricano rivalità e tensioni, rendendolo così instabile a prescindere dalla sua situazione interna.

I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 92,90 - 11%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
CREDERE
€ 88,40 € 52,80 - 40%
FELTRO CREATIVO
€ 22,00 € 0,00 - 18%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
GBABY
€ 69,60 € 49,80 - 28%