Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 18 aprile 2024
 
emergenza freddo
 

Inverno senza precedenti: più di 150 persone morte in Afghanistan per il gelo

25/01/2023  Il Paese sta vivendo uno degli inverni più freddi, con temperature eccezionalmente basse. La situazione è aggravata dalla carenza di aiuti umanitari: tante Ong se ne sono andate dopo che i talebani hanno vietato alle donne di lavorare nelle organizzazioni internazionali

L'Afghanistan è stretto nella morsa terribile del gelo. Il Paese, dove gran parte del territorio è montuoso, sta attraversando uno dei suoi inverni più freddi, con temperature eccezionalmente basse che all'inizio di gennaio sono scese fino a meno 28 gradi, molto al di sotto della media nazionale compresa tra 0 e 5 gradi in questo periodo dell'anno. Più di 150 persone, soprattutto nelle aree rurali e più isolate, hanno perso la vita a causa del freddo senza precedenti (come ha riferito un'autorità talebana alla Cnn) e circa 70mila capi di bestiame sono morti in tutto il Paese, secondo le fonti.

L'impatto devastante del rigore invernale è fortemente aggravato dalla carenza di aiuti umanitari distribuiti nel Paese, a cauda della nuova stretta imposta dai talebani: lo scorso dicembre il regime ha infatti vietato a tutte le donne afghane di lavorare nelle organizzazioni non governative. Una misura che è arrivata poco dopo il divieto alle donne di frequentare l'università. 

Così, un numero sempre maggiore di Ong internazionali sono costrette a cessare le loro attività umanitarie in Afghanistan, oppure a sospenderle temporaneamente, e ad abbandonare il Paese, perché buona parte del loro lavoro impegno poggia sul lavoro del personale femminile e, senza le donne afghane, non possono più andare avanti. E in un Paese poverissimo, economicamente disastrato, che dipende quasi interamente dagli aiuti internazionali, l'assenza delle Ong ha un impatto catastrofico.

Il freddo eccezionale, con temperature record, sta colpendo vaste regioni dell'Asia, non solo l'Afghanistan: in Siberia orientale, a Yakutsk, la temperatura ha raggiunto meno 62,6 gradi (normalmente le temperature in inverno sono intorno a meno 45-50 gradi); in Cina, al confine con la Siberia, la temperatura è scesa fino a meno 53, battendo il precedente record di meno 52,3 gradi nel 1969. Allerta per il grande freddo anche nella regione settentrionale dell Corea del Nord.  

(Foto Reuters)

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo