Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 22 aprile 2024
 
la collana
 

"Aiutami a essere madre", i consigli delle monache di Cascia

12/10/2023  Nasce la collana “Rita quotidiana” in edicola dal 19 di ottobre. Curata da Tau editrice, sarà un percorso attraverso gioie e dolori della quotidianità, offrendo alle mamme suggerimenti ispirati alla figura di Santa Rita (nella foto di copertina, la Madre Priora, suor Maria Rosa Bernardinis, e la Vicaria, madre Natalina Todeschini, con il libro)

«Le mamme non sono eroine di una storia, sono fragili, insicure, umane e va bene così. Il mestiere della mamma non è cosa facile, ma neppure cosa impossibile». È il messaggio che le monache agostiniane del Monastero Santa Rita da Cascia, attraverso consigli di vita concreta e giornaliera ispirati alla figura della taumaturga umbra, vogliono diffondere con Aiutami ad essere madre, il libriccino dedicato alla maternità nelle librerie e online anche su http://shop.santaritadacascia.org dal 19 ottobre. Con questo volume viene inaugurata “Rita quotidiana”, la collana tascabile, curata da Tau editrice, con cui Santa Rita diventa  un’amica e una “guida del cuore” sempre a disposizione.

Essere madri non è facile, tanto che molte donne rinunciano a diventarlo, come confermano i dati Istat che parlano di natalità al minimo storico in Italia, con meno di 7 neonati per 1000 abitanti. Mentre chi lo diventa si trova ad affrontare difficoltà di vario tipo, ad esempio i dati ISS (Istituto Superiore di Sanità) riferiscono di un aumento della depressione pre e post-partum nel periodo Covid, passando dall’11,6% del 2019 al 25,5% tra novembre 2021 e aprile 2022.

Proprio per accompagnare le madri e coloro che vogliono diventarlo, è nato Aiutami ad essere madre, per rendere più facile questo “mestiere”, prendendo spunto da storie vere. Si prova così a rispondere a interrogativi quali: come posso essere una brava mamma? Come conciliare maternità e lavoro? Come affrontare una gravidanza a rischio? Come sopportare il dolore della perdita di un figlio? Come sostenere la prova della sterilità?

«Abbiamo voluto inaugurare la nostra collana, parlando di maternità, ispirate dalla figura di Santa Rita, prima madre di due figli e oggi madre di un’immensa famiglia di devoti» ha dichiarato Suor Maria Rosa Bernardinis, Madre Priora del monastero. «Ma anche perché pensiamo che tutte le donne siano “madri dentro”, anche noi monache, nello spirito, con "l'innata attitudine all'accoglienza dell'altro". Con la collana vogliamo essere presenti nella vita dei nostri devoti, e non solo, come delle amiche, come lo è la santa, che è stata una “seminatrice di amicizia”, in modo che nessuno si senta solo, soprattutto nell’affrontare le sofferenze e le difficoltà di ogni giorno».

La collana vuole così essere un percorso, attraverso i dolori, ma anche le gioie che fanno parte della quotidianità, attualizzando il messaggio di Santa Rita e rimanendo al passo con la società e le sue trasformazioni. Saranno quindi affrontati, due volte all’anno, temi più propriamente ritiani quali lutto, malattia, famiglia, carità, solitudine, ma anche un tema più contemporaneo come quello della solitudine, il vero disagio della società odierna.

Tutti i libriccini conterranno i consigli delle monache a partire da testimonianze reali, per cui chiunque voglia inviare la propria, in vista delle future pubblicazioni, può scrivere a redazione@santaritadacascia.org. I temi affrontati in futuro saranno lutto, malattia, famiglia, carità, solitudine.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo