Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 26 maggio 2024
 
Teatro
 

Al Piccolo va in scena la lunga attesa delle persone scomparse

20/01/2023  Dal 26 al 28 gennaio va in scena "Fraternité". Ne parla la regista francese Caroline Guiela Nguyen, che si è ispirata al libro "Naufraghi senza volto" di Cristina Cattaneo

 la regista francese Caroline Guiela Nguyen
la regista francese Caroline Guiela Nguyen

Si è svolta stamattina la conferenza stampa di presentazione del prossimo spettacolo che andrà in scena al Piccolo teatro di Milano dal 26 al 28 gennaio, dal Titolo Fraternité. A parlarne la regista francese Caroline Guiela Nguyen, che è anche direttrice del Teatro nazionale di Strasburgo e della quale al teatro milanese qualche anno fa era andato in scena lo spettacolo Saigon.

«Tutto è cominciato quando ho letto il libro del medico legale Cristina Cattaneo Naufraghi senza volto, dedicato a tutti i migranti scomparsi in mare. Ho deciso di frequentare a lungo l’ufficio delle persone scomparse a Roma e raccogliere le testimonianze di quanti attendono di conoscere il destino dei loro cari, ritrovarli o anche solo recuperarne il corpo».

Lo spettacolo, che dura tre ore, è di genere fantascientifico e immagina che, a causa di un’eclissi, metà delle persone della Terra scompaiano. In scena tredici attori che rappresentano le persone rimaste, e l’angoscia e l’attesa di ritrovare chi non c’è più. Sono attori che vanno dai 18 agli 85 anni, e parlano in diverse lingue, dall’arabo al vietnamita per dare l’idea di come questo tema riguardi tutti i popoli del mondo. 

Il progetto fa parte di una trilogia dedicata alla cura che comprende un film, Les Engloutis,  anch’esso di genere fantascientifico sul tema del ritorno a casa dei detenuti, e uno spettacolo teatrale di genere realistico sull’adozione internazionale. 

«Con il Piccolo c’è anche l’idea di uno spettacolo dedicato alle lacrime, con cui voglio indagare anche il tema della spiritualità e della religione, perché sono rimasta molto colpita dal fatto che diverse delle associazioni che si occupano di persone scomparse sono di matrice cristiana».

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo