logo san paolo
venerdì 21 febbraio 2020
 
Guerra in Siria
 

Aleppo, l'incubo di bombe chimiche sugli ospedali

12/08/2016  «Se l’uso di bombe la cloro sarà confermato, si tratta di un crimine di guerra», dichiara Staffan de Mistura, l’inviato dell’Onu. Ma non sarebbe la prima volta che armi chimiche vengono usate nella guerra in Siria. Secondo padre Ibrahim Alsabagh, parroco della chiesa di San Francesco, ad Aleppo, è stata colpita anche una delle migliori cliniche private della città, gestita dalla suore di San Giuseppe dell’Apparizione.

Lo schianto dei missili, poi nell’aria rovente una puzza insopportabile, gli occhi che bruciano, il respiro che si fa corto, l’affanno. Accade ad Aleppo, la città siriana senza pace, dove ora le Nazioni Unite stanno investigando sul possibile uso di armi chimiche nei combattimenti in corso. Le armi usate sarebbero bombe al cloro e hanno colpito il quartiere di Zebediya, controllato dagli oppositori del presidente Assad. Le bombe chimiche avrebbero provocato almeno 4 morti e diversi feriti, adulti e bambini, ricoverati negli ospedali, ripresi e fotografarti con le maschere per l’ossigeno sul volto.

«Se l’uso di armi chimiche sarà confermato, si tratta di un crimine di guerra», dichiara Staffan de Mistura, l’inviato dell’Onu per la Siria. Non sarebbe la prima volta che armi chimiche vengono usate nella guerra in Siria. Già nel 2013 la Bbc documentò un attacco chimico nella città di Saraqeb. Anche in quel caso l’attacco fu portato da forze governative fedeli al presidente Assad. Continuano i bombardamenti anche con armi convenzionali e secondo padre Ibrahim Alsabagh, parroco della chiesa di San Francesco, ad Aleppo, è stata colpita anche una delle migliori cliniche private della città, gestita dalla suore di San Giuseppe dell’Apparizione.

I continui attacchi contro gli ospedali siriani (almeno 42 negli ultimi mesi) hanno spinto alcuni medici di Aleppo a inviare un appello a Barack Obama, chiedendogli di fare qualcosa. «Non abbiamo bisogno di lacrime, simpatia o preghiere, abbiamo bisogno della sua azione. Dimostri che lei è un amico dei siriani».

La Russia ha annunciato una pausa quotidiana di tre ore nei bombardamenti, fra le 10 e le 13 locali, per favorire la consegna di aiuti alla popolazione civile. Tuttavia, secondo alcuni testimoni, la pausa non sarebbe stata rispettata. Il coordinatore degli aiuti dell’Onu, Stephen O’Brien, ha detto che sarebbe necessaria una tregua di almeno 48 ore per consegnare alla popolazione cibo, acqua potabile, medicine, generatori di corrente elettrica.

Multimedia
Con gli insorti nell'inferno di Aleppo
Correlati
Con gli insorti nell'inferno di Aleppo
Correlati
Aleppo, agonia di una città
Correlati
I vostri commenti
6
scrivi

Stai visualizzando  dei 6 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%