Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 25 aprile 2024
 
Debutti
 

Alessandro Haber racconta il suo ritorno al teatro dal vivo

07/06/2021  Intervista all'attore, in scena al Franco Parenti di Milano da domani 8 giugno con lo spettacolo "Serata Haberrante". «Vorrei incontrare papa Francesco», dice

Alessandro Haber, noto attore cinematografico, televisivo e teatrale, torna in scena, al Teatro Franco Parenti di Milano, dopo quasi due anni di fermo forzato a causa della pandemia, con uno spettacolo in cui alterna monologhi, poesie di Charles Bukowski e canzoni di grandi cantautori, come Luigi Tenco, Sergio Endrigo, Riccardo Cocciante, e interpreta anche La valigia dell’attore scritta appositamente per lui da Francesco De Gregori. 
Haber, emozionato per il ritorno alle scene, racconta: «Ho lasciato il teatro il 6 marzo 2020, a Bolzano, interrompendo dopo solo 20 repliche Morte di un commesso viaggiatore di Arthur Miller, con la regia di  Leo Muscato, uno spettacolo che amo molto e che riprenderò anche al Parenti; è un testo  meraviglioso: quando ero ragazzo,  portavo ai provini il personaggio del figlio, Biff, e modulavo il monologo in tanti toni diversi: arrabbiato, cinico, ubriaco, dolce, così da far emergere la mia versatilità e il mio talento; ora interpreto, invece, il complesso ruolo del padre Willy Loman.
L’8 giugno, al Parenti, per me sarà come un debutto assoluto, dopo mesi di attesa, e sono molto emozionato, sarà un doppio salto mortale tra canzoni d’autore e poesie di Bukowski, a cui ho dedicato, tempo fa, anche uno spettacolo, diretto da Giorgio Gallione; racconto così, tramite le poesie che egli scrive al suo editore, la sua vita; ma la frase che mi ha colpito di più è quando dice “a me non importa niente dei soldi e del successo, quello che voglio è scrivere”; infatti, anche io la penso così:  i soldi, il successo, le gratificazioni, i premi ti aiutano, ti fanno capire che quello che fai è giusto,  ma a me interessa soprattutto fare l’attore, interpretare ruoli diversi.»
Alessandro Haber si esibisce spesso a Milano, incontra sempre Andrée Ruth Shammah, alla direzione del Teatro Franco Parenti, che ammira per la sua preparazione e tenacia nel promuovere idee e programmi nuovi ed efficaci: «Mi esibirò nella zona del Franco Parenti in cui si trova la piscina, i Bagni Misteriosi, fermamente voluta e rinnovata dalla Shammah che, con la Fondazione Pier Lombardo, ha riaperto e trasformato l’ex Centro Balneare Caimi, dopo che, nel 2007, il Comune l’aveva dovuto chiudere.  Andrée ha fatto un lavoro straordinario: ha seguito personalmente il cantiere e il restauro, ha creato, oltre al teatro all’aperto, uno spazio culturale polivalente e una zona di svago per la città; Andrée è una donna eccezionale, unica nel panorama teatrale italiano, tosta, tenace e, quando ha un sogno, da di tutto per  realizzarlo, nonostante le difficoltà o dei suoi problemi di salute, ha trasformato il Franco Parenti in uno dei luoghi culturalmente più significativi nel panorama italiano.»  
Oltre al teatro, Haber si è sempre dedicato al cinema, lavorando con grandi registi, come Mario Monicelli e Pupi Avati con cui ha un bellissimo rapporto e, spesso, interpreta anche solo un cameo nei suoi film, come in quello che Avati sta girando ora, dedicato a Dante e Boccaccio. L’attore alterna la recitazione alla canzone, da quando anni fa, insieme al cantautore Mimmo Locasciulli, ha scoperto di avere una bella voce, cantando per gioco in un piano bar e afferma: «Per me musica, teatro, cinema è sempre recitare, cioè giocare, divertirmi; la musicalità  - con tempi e controtempi,  lenti, urlati, veloci - deve essere presente anche nella modulazione della voce degli attori;  se poi un attore sa anche cantare, come ho scoperto io, è una fortuna. La musica e il teatro sono arti affini, potrebbero salvare il mondo, perché accomunano tutti nel suscitare  emozioni; inoltre, un cantante che interpreta anche le parole ti entra nell’anima e non solo nelle orecchie, come quando uno ha una bella voce orecchiabile, che ascolti, ma poi dimentichi.  Oggi quello che mi manca di più è poter vedere le espressioni delle persone, non è vero che gli occhi dicono tutto, io spesso ho fatto fatica a riconoscere anche gli amici dietro la mascherina. Ho diretto e interpretato un cortometraggio, 27.03.2020, che ha avuto un prestigioso riconoscimento al Ferrara Film Festival, in cui racconto i miei sentimenti e quello che abbiamo vissuto. Parlo anche di papa Francesco e del giorno in cui ha pregato in Piazza San Pietro per la fine della pandemia sotto la pioggia battente: lo stimo moltissimo e vorrei incontrarlo, ma non mi accontenterei di stringergli la mano, vorrei proprio abbracciarlo, come si fa con gli amici!»

SERATA HABERRANTE - Restiamo in contatto con Alessandro Haber.

Produzione Teatro Franco Parenti, diretto da Andrée Ruth Shammah. 
8 Giugno 2021 ore 21:15, ai Bagni Misteriosi -Teatro Franco Parenti, Milano. Info:  via Pier Lombardo 14,  02 59995206, biglietteria@teatrofrancoparenti.it, teatrofrancoparenti.it

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo