Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 25 maggio 2024
 
Giovani
 

«All'oratorio, amori troppo facili. Da catechista, cosa dire?»

19/06/2017 

Vedo i ragazzi dell’oratorio, dove sono catechista, ma anche i miei figli di 16 e 13 anni e i loro amici, passare talvolta da un amore a un altro con leggerezza. Si innamorano, si lasciano e mi chiedo se imparino qualcosa. Si vedono, si piacciono, si mettono insieme, ma spesso lo fanno in modo superficiale. E quando si lasciano, qualche volta si arrabbiano, ma altre volte gli passa dopo pochissimo, come se niente fosse successo. Vorrei parlarne al catechismo, ma non è facile.

LORETTA

— Cara Loretta, bisogna parlare d’amore con gli adolescenti. Non di sesso, ma proprio di amore. Certo, sono in una fase di sperimentazione e di apprendistato. Ma proprio per questo, senza scandalizzarsi dei loro tentativi magari un po’ superficiali, occorre pensare insieme a loro una visione più alta e completa. Propongo di partire da quel capolavoro che è Il Piccolo Principe di Antoine de Saint-Exupéry. Il suo cuore sono le pagine del dialogo tra la volpe e il principe. Esse ci aiutano a capire che l’amore non è tanto questione di sentimenti, ma è il risultato di un percorso, di un avvicinamento progressivo e rispettoso. Quando la volpe chiede al principe di essere addomesticata, cioè di creare un legame forte fra loro, in realtà gli propone una vera e propria educazione sentimentale. Basata non sull’emozione o sul sentimentalismo ma sulla disciplina. Dapprima infatti la volpe chiede pazienza al ragazzino: per addomesticarla, deve sedersi un po’ lontano da lei, nell’erba, e avvicinarsi poco per volta, giorno dopo giorno. Senza dire nulla, perché le parole sono fonte di malintesi. E venendo tutti i giorni alla stessa ora, per creare un’aspettativa e far sì che la presenza sia prima nella mente e poi nei corpi. Occorre un vero e proprio rito, perché solo così si dà valore ai giorni e alle ore. Infine, bisogna riconoscere e accettare anche il distacco. Che genera dolore ma consente di capire pienamente l’unicità dell’altro. Nel momento della separazione, la volpe rivela il suo segreto al piccolo principe: non si vede bene che con il cuore. L’essenziale è invisibile agli occhi. È il tempo che viene dedicato ad addomesticare la volpe o a coltivare una rosa. E, potremmo aggiungere, a crescere un figlio o a consolidare un amore. È il tempo della cura donata a qualcuno che rende il nostro prossimo così importante. Nell’attuale società dell’immagine e di Internet, queste pagine sono un invito a esercitare una visione non di superficie, che richiede lo sforzo del pensare. Andare al di là delle emozioni immediate per dare nome a ciò che si prova. Riflettere sul profondo rispetto che si deve all’altro. Accettando anche la distanza che c’è tra noi.

I vostri commenti
6

Stai visualizzando  dei 6 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo