Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 15 aprile 2024
 
IL RAPPORTO
 

La miseria, effetto collaterale del Covid: picco dei nuovi poveri

01/07/2020  Da marzo a maggio, la Caritas italiana ha seguito quasi 450.000 persone, di cui il 61,6% italiane. Di queste il 34% s'è rivolto per la prima volta ai centri sparsi sul territorio. Risposte mirate a seconda dei problemi segnalati: 92.000 famiglie in difficoltà hanno avuto accesso a fondi diocesani, oltre 3.000 famiglie hanno usufruito di attività di supporto per la didattica a distanza e lo smart working, 537 piccole imprese hanno ricevuto un sostegno.

Allarmano i numeri e quel che si cela dietro le cifre: 450 mila richieste di aiuto in tre mesi da marzo a maggio; aumentano i “nuovi poveri”; s'ingrossano le fila degli italiani in difficoltà. È un quadro preoccupante quello tracciato dalle indagini Caritas, da cui emerge che la pandemia ha messo a dura prova una parte consistente della popolazione. Fra le persone sostenute da marzo a maggio ben più della metà - il 61,6% - sono italiane. E di queste un terzo - il 34% - sono “nuovi poveri”, cioè persone che per la prima volta si sono rivolte alla Caritas. Le difficoltà poi non si sono esaurite con la fine del lockdown, ma continuano ancora oggi.

 

A mancare, in Italia, è in primo luogo il lavoro. In una rilevazione condotta fra il 3 e il 23 giugno, il 95,9% delle Caritas diocesane partecipanti al monitoraggio (169, pari al 77,5% del totale) segnala infatti un aumento dei problemi legati alla perdita delle fonti di reddito, mentre oltre la metà segnala problemi come difficoltà nel pagamento di affitto o mutuo, disagio psicologico-relazionale, difficoltà scolastiche, solitudine, depressione, rinuncia a cure e assistenza sanitaria. Ampio il ventaglio delle persone che si sono rivolte ai centri Caritas, fra cui disoccupati, persone con impiego irregolare fermo a causa della pandemia, lavoratori precari privi di ammortizzatori sociali, dipendenti in attesa della cassa integrazione, pensionati e casalinghe.

 

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo