Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 25 maggio 2024
 
 

Dal Kilimangiaro... al Tonale

04/02/2011  Il Wilderness Conservation Trust, fondato da un bresciano e sostenuto dall'attore Edward Norton, ha portato in Italia otto bambini masai a scoprire la neve e lo sci.

La neve. Non solo da guardare, ma anche da... assaggiare, spalmare gelata sui visetti scuri. E poi, soprattutto, da sperimentare con un nuovo sconosciuto mezzo: gli sci. Una grandissima emozione, per gli otto piccoli Masai (quattro maschietti e quattro bambine), arrivati a Pontedilegno-Tonale dopo un lungo viaggio dal Kenia, e più precisamente dal Kuku Group Ranch, una riserva alle falde del Kilimangiaro, che confina con i parchi nazionali di Amboseli eTsavo e le Chyulu Hills (le verdi colline d'Africa di cui scriveva Hemingway).

   I ragazzini frequentano la quarta elementare di una scuola gestita dalla Masai Wilderness Conservation Trust, fondata nel 2000 da Luca Belpietro, un bresciano che ha rinunciato a una promettente carriera nel mondo finanziario, per realizzare un sogno che aveva fin dall'infanzia: vivere e lavorare nella selvaggia Africa orientale che gli aveva fatto scoprire suo padre.  Belpietro ha proposto una partnership ai masai della comunità Kuku, proprietari di 115.000 ettari di praterie e colline ricoperte di foreste. Insieme hanno fondato il lodge Campi ya Kanzi e una fondazione, che offre alla comunità servizi di istruzione, sanità e protezione dell'ambiente e della natura salvaggia e in particolare per la protezione del re degli animali, il leone, la cui popolazione sta sensibilmente diminuendo. La fondazione dà inoltre lavoro a 250 persone. 

   Luca e la moglie Antonella vivono in Africa dal 1996 e sono stati ben accettati dai Masai. Ora hanno tre figli, che parlano anche lo swaili  e il maa, la linqua dei masai. Lucrezia, la più piccola, in questi giorni è arrivata sulle nevi del comprensorio Adamello Ski insieme agli otto piccoli amici masai, che hanno tra l'altro incontrato i bambini della scuola elementare di Pontedilegno.

   Dopo una visita alle diverse classi, si sono radunati tutti nella palestra e i bambini masai si sono esibiti in balli e canti tipici del Kenya, lasciandosi a loro volta coinvolgere nei giochi dei ragazzini dalignesi.

   Quindi si sono spostati sulle piste del Passo del Tonale con Stefano Ricci, un maestro di sci di Brescia trapiantato a sua volta in Kenya, per la loro prima lezione di sci. Il comprensorio Adamello Ski ha fornito loro skipass e Ski Lab le attrezzature a noleggio. Erano emozionatissimi e affascinati dalle montagne innevate, così diverse dalle verdi colline africane, ansiosi di infilarsi sci e scarponi. Come quasi sempre avviene con i ragazzini, il risultato è stato sorprendente. In poche ore hanno imparato a muoversi sugli sci e a frenare. Non volevano più smettere "Ci piace molto qui, ma la cosa che ci piace di più è sciare", hanno commentato.  

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo