Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 19 maggio 2024
 
Bocciati a scuola
 

«Allievo modello fino alle medie, perché allora perderà di nuovo l'anno?»

22/07/2022  "Siamo due genitori preoccupati per il nostro Leonardo che anche quest'anno ha superato il limite massimo di assenze e verrà bocciato. Alle medie i professori lodavano le sue doti mentre adesso sembra aver perso ogni motivazione, soprattutto dopo il Covid-19, la DAD e la ripresa in presenza delle lezioni... Cosa possiamo fare?"

Gent. dott. Fantoni, le scriviamo perché siamo davvero senza parole. Anche questa volta il nostro Leonardo perderà l’anno. È già stato bocciato l’anno scorso in seconda superiore, dopo essere stato “graziato” in prima. Quest’anno, accumulando le assenze e le insufficienze, è arrivato a Pasqua ad avere superato il numero massimo consentito. D’altra parte, ha così tante insufficienze che non potrebbe essere promosso comunque. Noi siamo esasperati e sfiduciati: non capiamo il motivo di questo rifiuto della scuola. Fino alle medie è sempre stato un allievo modello. Le maestre prima e i prof dopo ci hanno sempre evidenziato le sue doti di intuito e le sue capacità, sia nelle materie letterarie che in matematica. In terza media ha incominciato a calare, sia nel rendimento che nello studio a casa. Ha incominciato a non fare sempre i compiti, a uscire al pomeriggio. Il primo anno di superiori è iniziato male, poi, con il Covid, la Dad e la promozione assicurata, è finito ancora peggio. Ha iniziato la seconda senza motivazione e i risultati si sono visti. Adesso, dopo avere lasciato, non fa niente tutto il giorno: non esce molto e non gioca ai videogiochi, sta tanto al cellulare e, verso sera, esce con i suoi soliti tre amici. E in più non si esprime riguardo a che cosa fare l’anno prossimo. Che cosa possiamo fare? NUNZIA E SIMONE

— Cari Nunzia e Simone,non è facile capire il significato di questa vera e propria rottura evolutiva, una crepa partita dalla scuola che si è estesa a tutta la vita di Leonardo. Egli sembra ritrarsi di fronte all’idea di diventare grande: si sottrae non solo alla progressione scolastica, e quindi a un suo progetto di vita, ma anche alle relazioni con i compagni, allo sviluppo delle sue capacità, al confronto con la sessualità. Come se l’idea che aveva sviluppato di sé stesso fino alla pubertà fosse andata in frantumi e il processo di crescita si fosse bloccato. Certamente va ripensata la scelta scolastica con un cambio di indirizzo.

Di norma, dopo due bocciature consecutive nella stessa classe non è più possibile iscriversi ad essa, salvo gravi circostanze che consentono ai docenti della classe di ammettere una deroga. Ma attenzione: rivedere la scelta orientativa deve essere l’occasione per una riflessione più ampia sul senso di questa crisi.

Tutto questo richiede l’intervento di uno specialista, per aiutare Leonardo a ritrovare sé stesso, le sue parti più funzionanti, perché possa riprendere un contatto attivo con la realtà. Lo psicologo dovrà anche aiutare voi a sostenere correttamente vostro figlio, evitando inutili recriminazioni sulle sue capacità inutilizzate, ma cercando insieme a lui ciò che ha di più vitale nella sua mente. Non fatevi ingannare dall’apparenza del ragazzo spavaldo e disinteressato a tutto: molto probabilmente, in fondo è spaventato e deluso, perché sa che i suoi coetanei stanno progredendo, mentre lui è al palo. Leonardo può ripartire, se trova dentro di sé il coraggio di abbassare queste sue difese così rigide. E attorno a sé ha qualcuno capace di non farlo sentire troppo esposto all’insuccesso e indifeso.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo