Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 22 luglio 2024
 
Il caso di Milano
 

Anarchici che oltraggiano la Madonna: interviene la Curia

13/05/2017  Dopo la denuncia di Famiglia Cristiana la Curia di Milano interviene direttamente sul gruppo di anarchici che ha occupato uno stabile dei Padri Passionisti e offende la Madonna con una scritta blasfema. Don Davide Milani, responsabile della Comunicazione dell'Arcidiosesi: «Non si comprende quale e quanta intelligenza ci sia in questo gesto sacrilego ai confini del reato: ad offendere è la stupidità vuota di questa azione. Si confida nell'intervento - già tardivo - di chi ha il potere di fare cessare una simile oscenità».

Sul caso della statua della Madonna oltraggiata da un gruppo di anarchici che hanno occupato abusivamente uno stabile dei Padri Passionisti, in via Gademes a Milano, un'azione assurda con una scritta irripetibile denunciata questa mattina da Famiglia Cristiana, è intervenuta direttamente la Curia di Milano. Il palazzo, occupato nel settembre 2016 da una trentina di anarchici, è nel quartiere Certosa-Garegnano, in via Gadames, a poche centinaia di metri dalla Certosa di Garegnano, famosa per essere interamente affrescata da pittori del Seicento, che in città è famosa come la "Cappella Sistina di Milano". Circa un mese fa gli anarchici hanno bendato una statua della Madonna e le hanno messo sotto, scritta su un lenzuolo bianco, una frase che è fortemente offensiva per tutti i credenti. Il quartiere di Certosa-Garegnano è sdegnato e il consiglio pastorale, guidato dal parroco don Giuseppe La Rosa, aveva già chiesto l'intervento del Comune.

 

Questa sera l'Arcidiocesi di Milano, presieduta da Sua Eminenza il cardinale Angelo Scola, ha voluto ribadire in comuncato, che tutta la città e tutti i credenti sono offesi da un atto tanto assurdo quanto incomprensibile. Spiega Don Davide Milani, Responsabile comunicazione dell'Arcidiocesi: «Nel giorno in cui tutta la Chiesa celebra la Madonna di Fatima e a Milano decine e decine di migliaia di persone stanno transitando dal Duomo per venerare la Madre di Dio, pregare, trovare conforto nelle prove della vita, fa particolarmente male appendere dell’oltraggio che da settimane si sta consumando in città in via Gadames. Non si comprende quale e quanta intelligenza ci sia in questo gesto sacrilego ai confini del reato: ad offendere è la stupidità vuota di questa azione».

 

Parlando con chi abita nel quartiere si registrano anche atteggiamenti minacciosi da parte di questo gruppo di anarchici, che ricordiamo, ha occupato abusivamente uno stabile e quindi dovrebbe essere oggetto dell'intervento del Comune. Chi passa sotto e, inevitabilmente, guarda all'insù colpito e scandalizzato dalla scritta e dalla statua della Nadonna bendata, si sente rimproverare, se non minacciare. Don Davide Milani conferma: «Si confida nell'intervento - già tardivo - di chi ha il potere di fare cessare una simile oscenità. Ad essere feriti, insieme ai cattolici di questa città, sono tutti i milanesi che guardando alla Madonnina si sentono protetti e trovano in questa presenza ragione di speranza. Libertà religiosa è anche poter essere tutelati nel rispetto dei segni della propria fede».

 

I vostri commenti
63

Stai visualizzando  dei 63 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo