Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 22 maggio 2024
 
Colloqui col Padre
 

Anche in Italia poco rispetto per i cristiani

23/04/2015  "Molti non hanno il minimo rispetto per loro, anzi, li considerano inferiori..."

Le scrivo per segnalare un problema rilevato in due posti di lavoro qui a Bologna. Dove lavoravo prima, una mia collega è stata derisa dai suoi capi perché aveva detto loro che, nel ne settimana, si sarebbe recata con la famiglia a un ritiro spirituale. Nel posto di lavoro attuale, molti colleghi sono palesemente anticlericali. Il parroco non è stato fatto entrare negli ufci per la benedizione pasquale. Io stesso evito di dire che vado a Messa. Credo che, oggi, i credenti siano discriminati. Molti non hanno il minimo rispetto per loro, anzi li considerano come esseri inferiori. I cristiani subiscono e tacciono perché sanno che non riusciranno a far cambiare idea a chi è intollerante. In una società aperta e plurale come la nostra, le persone non dovrebbero essere giudicate in base all’appartenenza religiosa.
MARIO M.

Persiste la tendenza a voler relegare la fede nell’intimità della coscienza, e a considerare i credenti come gente estranea alla modernità. Ma escludere Dio dalla società non la rende migliore. Anzi, ogni giorno, assistiamo ai guasti arrecati dalla mancanza di etica e di valori. Quindi, nessuna soggezione nell’essere cristiani oggi, ma la fede non si impone con la forza, cresce per attrazione.

I vostri commenti
13

Stai visualizzando  dei 13 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo