Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 25 aprile 2024
 
gerusalemme
 

Anche l'Italia prega per la Terra Santa

22/05/2021  I vescovi italiani chiedono a tutta la Chiesa di unirsi alla veglia del pomeriggio del 22 per invocare la pace.

«Invochiamo lo Spirito di pace perché illumini e sostenga il processo di pacificazione nella Terra Santa. In questo momento storico siamo tutti chiamati a costruire la pace e a impegnarci perché non si perda la consapevolezza della fratellanza universale che unisce i popoli, al di là di ogni credo». Il cardinale Gualtiero Bassetti plaude all’iniziativa degli ordinari cattolici di Terra Santa, con la collaborazione dell’Unione delle religiose e del Comitato episcopale dei religiosi per una veglia di preghiera che si tiene il 22 maggio alle 17 a Gerusalemme. Alla vigilia della solennità della Pentecoste e nel giorno dedicato a Santa Rita, «la Santa delll’impossibile, la Santa del dialogo tra le fazioni in lotta e della preghiera fiduciosa a Dio», la Chiesa italiana si unisce a quella del Medio Oriente «nella convinzione che se a Lui ci si affida tutto può accadere. E allora, con la stessa fede salda della Santa nella supplica all’Altissimo, uniamo le nostre preghiere da tutte le Chiese particolari, affinché si levi con forza l’appello alla pace tra i popoli del Mediterraneo, a partire dai luoghi martoriati della Terra Santa», spiega il presidente della Cei e arcivescovo di Perugia-Città della Pieve esortando tutti i credenti, anche dalle loro case a invocare Dio perché si risolva il conflitto tra i due popoli..

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo