Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 15 aprile 2024
 
Il Teologo
 

Perché nella Chiesa ci sono i gradi e si fa carriera

24/09/2019 

ANNA - Anche all’interno della Chiesa ci sono i gradi: preti, vescovi, cardinali... Questa è una cosa che proprio non mi va.

A causa dell’umana fragilità ogni posto di responsabilità rischia di diventare uno strumento di potere, di vanità e di gratificazione personale. La Chiesa è fatta di esseri umani e non è esente da questa deriva mondana, nonostante le chiare parole di Gesù: «I governanti delle nazioni dominano su di esse e i capi le opprimono. Tra voi non sarà così: ma chi vuole diventare grande sarà vostro servitore» (Mt 20,25-26). Diaconi, presbiteri, vescovi non sono scatti di carriera, ma tre diverse partecipazioni al sacramento dell’Ordine per tre diversi servizi al Vangelo di Dio e alla sua Chiesa.

Riguardo a tutti i ministeri, compresi quelli laici, è scritto che «nessuno li deve interpretare come attribuzione onorifica o accrescimento di potere» (Pontificale Romano, Istituzione dei ministeri, Premessa Cei, 2). Il cardinalato, inoltre, non è un ministero, ma una dignità ecclesiastica che impegna alcuni vescovi a essere particolari collaboratori del Papa ed eventuali elettori del suo successore.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo