Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 27 maggio 2024
 
 

Ancora compiti: meglio farli da soli

05/03/2013  Per il genitore il rientro dal lavoro e il dopo cena con i compiti dei figli sono un tormento. Alberto Pellai spiega che la sera è fatta per stare insieme senza pensare alla scuola.

Alcuni riescono a restare calmi, e a controllare il tono di voce. Altri sibilano consigli trattenendo a stento lo sconforto e la stanchezza. Spesso poi si sbotta, si piange e infine si litiga.

E' l'odiato momento dei compiti: terrore dei bambini e dei genitori, capace di mettere in scena il peggio di ognuno di noi. Ed è anche un tema di costante e acceso confronto tra diverse fazioni. Divise tra chi si cerca di non venirne coinvolto e preferisce lasciare che il figlio, nel bene e nel male se la cavi da solo, e chi sceglie di tornare sui banchi di scuola sobbarcandosi, dopo una giornata di lavoro, anche le incombenze scolastiche dei figli arrivando, persino a parlare al plurale quando si tratta verifiche: «Domani abbiamo il compito in classe...».

Recentemente una lettrice di Famiglia Cristiana, ha chiesto consiglio sulle pagine della rubrica Essere genitori: «i compiti assegnati in quantità eccessiva dagli insegnanti, fatti di malavoglia da mio figlio di 8 anni, hanno obbligato me e mio marito ad assisterlo ogni giorno per almeno un’ora, quando tornavamo a casa dal lavoro la sera».

Categorica la risposta di Albero Pellai, medico e psicoterapeuta: «In casa tua c’è da cambiare tutto, ma proprio tutto. Se tuo figlio per fare i compiti attende che voi rientriate alla sera dal lavoro, stanchi della vostra giornata e poi vi mettiate al suo fianco per assisterlo, tutto funziona in modo esattamente opposto a come dovrebbe essere». E aggiunge: «consiglio sempre ai genitori di non diventare mai i maestri dei propri figli. Eventualmente sosteneteli se vi chiedono aiuto, controllate che abbiano fatto il loro dovere, interrogateli se ve lo chiedono.Tutto questo, però, è ben diverso dal sedersi al loro fianco e sostituirsi addirittura nel fare conticini e ricerche, come se i compiti fossero un affare vostro. Abituateli già alle elementari a rendersi autonomi e indipendenti».

La risposta non è piaciuta a un papà che, in seguito, è così intervenuto: «Io penso che sia utile che i genitori dopo una giornata lavorativa stiano a fianco dei figli per aiutarli nei compiti. Molti, stanchi del lavoro, non ne hanno alcuna voglia, ma questo è un problema di maturità dei genitori e non dei figli».

Ancora più deciso Alberto Pellai: «Il dovere di un genitore non è controllare e obbligare i figli a fare i compiti, ma educarli a diventare responsabili, a comprendere che nella vita ci sono cose faticose che devono essere fatte, anche se non se ne ha voglia». Due, a suo parere, sono le strade da intraprendere perché ciò avvenga: diventare cani segugio stando sempre alle calcagna dei figli, oppure sostenerli perché si abituino a diventare autonomi.

Pellai ricorda che alla sera genitori e figli devono stare insieme per fare famiglia e non per fare i compiti: «Mi capita molto spesso di sentire storie di genitori che urlano, figli che piangono e scapaccioni che volano a causa di compiti che i figli non capiscono e che i genitori provano loro a spiegare. Tutto questo è negativo. In tali situazioni si genera una dipendenza reciproca e malsana e si crea frustrazione in tutti, facendo diventare il tempo di famiglia un tempo di conflitti e dissapori».

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo