logo san paolo
mercoledì 23 settembre 2020
 
 

"Ancora troppi pregiudizi sulla scuola paritaria"

19/05/2020  Durissimo articolo del portavoce della Cei su "Vita Pastorale". La proposta di utilizzare l'otto per mille per sostenerla

Don Ivan Maffeis
Don Ivan Maffeis

Le scuole paritarie stanno morendo di inedia. Il Covid 19 è stato unamazzata, poiché  molti istituti non hanno le risorse finanziarie per adeguarsi alle nuove misure, non avendo un ombrello "pubblico". Ma la verità è che il mancato sostegno alle paritarie non è legato solo a questa emergenza coronavirus: "Prima ancora, queste scuole soffrono la faziosità con cui sono guardate. A minarne la sopravvivenza è, infatti, una sorta di discriminazione culturale, che impedisce di riconoscere loro piena cittadinanza. Ne porta traccia un vocabolario che ancora le considera 'private', scuole di classe, diplomifici per asini d'oro". Lo dice il portavoce e sottosegretario Cei, don Ivan Maffeis, in un intervento che verrà pubblicato da "Vita pastorale", il mensile della San Paolo diretto da don Antonio Sciortino.

La vicenda è sempre la stessa. Le scuole paritarie non chiedono "privilegi" ma il riconoscimento del loro ruolo e "il diritto alla libertà di scelta educativa". Non solo, ma l'operato delle scuole non statali copre le falel delle statali e permette allo Stato di risparmiare poichè il costo di un alunno delle private è molto minore della spesa per sostenere un allievo pubblico. "Quello che si chiede al Governo non è un aiuto specifico - chiarisce don Maffeis - alle paritarie, che potrebbe essere interpretato come una sorta di privilegio. La scuola paritaria non vuole soldi dallo Stato, ma che sia riconosciuta per l'importante servizio pubblico che offre".

Una soluzione ci potrebbe essere. La Cei chiede di usare per il sostegno alle scuole paritarie la quota del suo otto per mille. "In questa situazione, forse, sarebbe plausibile anche avviare una riflessione - argomenta il portavoce, don Ivan Maffeis, su 'Vita Pastorale' - sulla legge 222/1985. Essa stabilisce che la Chiesa cattolica può usare le somme provenienti dall'otto per mille che i cittadini le destinano per 'esigenze di culto della popolazione, sostentamento del clero, interventi caritativi a favore della collettività nazionale o di Paesi del terzo mondo'. Anche qui vengono escluse, sulla base di un pregiudizio tardo a morire, le opere educative, accademiche e scientifiche in quanto tali. Laddove 'caritativi' fosse integrato con 'educativi e formativi', prevedendo 'interventi a favore della comunità', si potrebbe valutare la possibilità di destinare risorse, quanto meno ad tempus, anche alle scuole paritarie o ad altre istituzioni che si ritengano meritevoli di un sostegno finalizzato al bene comune". 

I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 0,00 - 11%
CREDERE
€ 88,40 € 0,00 - 35%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
GBABY
€ 69,60 € 49,80 - 28%