Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 23 aprile 2024
 
Recensioni
 

Andrej Longo, la madre che rinunciò a vendicarsi

28/05/2016  Con "L’altra madre" lo scrittore, di cui ricordiamo soprattutto "Dieci", continua la sua esplorazione di quel microcosmo esistenziale, sociale e morale che è Napoli. Questa volta lo fa raccontando il desiderio di vendetta di una madre, e il suo superamento.

Genny ha 16 anni, lavora in un bar ed ha un’abilità speciale nel portare il motorino. Vive con la mamma, che fa gli orli ai pantaloni e che ha bisogno di attaccarsi spesso all’ossigeno per andare avanti.

Tania di anni ne ha 15, studia, anche lei vive con la mamma, una poliziotta tutta d’un pezzo. Entrambi vivono a Napoli e i loro destini, in un giorno disgraziato, si incrociano fatalmente. 

Genny accetta la proposta di un delinquentello di condurre il motorino per compiere uno scippo e raccattare qualche soldo, ma lo scippo si trasforma in tragedia. Irene, madre di Tania, decide di farsi giustizia da sola e si mette sulle tracce dei due ragazzi. 

Con L’altra madre (Adelphi) Andrej Longo, di cui ricordiamo soprattutto Dieci,  continua la sua esplorazione di quel microcosmo esistenziale, sociale e morale che è Napoli. Lo fa con una scrittura frutto dell’impasto fra italiano e dialetto e insistentemente sincopata e rapsodica, che vuole registrare oggettivamente quello che sta accadendo. 

Non c’è denuncia, non c’è critica, non c’è analisi da parte dell’autore: è il racconto stesso della realtà che fa emergere implicitamente le contraddizioni, le assurdità, gli eterni problemi di una città e della sua gente.Che paiono irredimibili, al di là di ogni possibile riscatto o redenzione. 

Fino a qui L’altra madre non mostra nulla di nuovo, ma dal momento in cui la scena si concentra sulla sete di vendetta della madre di Irene il romanzo cambia passo e prospettiva, generando le pagine più belle e sorprendenti. Ed è in questo imprevedibile movimento interiore della donna-poliziotta-madre che si nasconde l’unica via per modificare il corso di una storia già scritta.

(Per inciso, questa evoluzione nell'animo di Irene, dall'impulso cieco alla vendetta a qualcosa di nuovo e diverso, mi ha richiamato alla mente un altro bellissimo romanzo, Il rappresentante di Joseph O'Connor, nel quale l'autore irlandese racconta di come un uomo riesca a catturare e imprigionare l'assassino di suo figlio, con l'intenzione di vendicarsi crudelmente; prima che la vendetta si consumi, dentro di lui si faranno spazio inaspettatamente sentimenti diversi).

Come negli altri testi di Longo, anche qui gli uomini sono assenti, insignificanti o tutti presi a ritagliarsi un ruolo da duri nel teatro del malaffare. Solo la caparbietà e l’istinto della donne, delle madri, potranno disegnare un futuro diverso. 

L’altra madre 
di Andrej Longo 
Adelphi pp. 198, euro 17,00 

Scrittura: 7
Storia: 7,5
Copertina: 7

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo