logo san paolo
giovedì 06 agosto 2020
 
 

Il Papa: convertitevi all'onestà

16/12/2012  Nell'Angelus Benedetto XVI ha richiamato ogni categoria della società a compiere il proprio dovere nel rispetto degli altri. Una preghiera per le vittime di Newtown.

Nell'Angelus odierno il Papa ha commentato un brano del Vangelo di Giovanni (Ansa).
Nell'Angelus odierno il Papa ha commentato un brano del Vangelo di Giovanni (Ansa).

Il Papa è tornato a esprimere il suo dolore per la strage di bambini negli Stati Uniti. “Sono stato profondamente addolorato dalla violenza senza senso di venerdì a Newton, in Connecticut”, ha detto Benedetto XVI al momento di salutare i pellegrini di lingua inglese che hanno assistito all’Angelus domenicale in piazza San Pietro. “Assicuro alle famiglie delle vittime, specialmente a quelle che hanno perso un figlio, la mia vicinanza nella preghiera”, ha detto Benedetto XVI, che aveva già inviato un telegramma di cordoglio la sera della sparatoria. “Durante la stagione dell’Avvento, dedichiamoci in modo più fervido alla preghiera e agli atti di pace. Su coloro che sono colpiti da questa tragedia, e su tutti voi, invoco le abbondanti benedizioni di Dio”.

La giornata del Papa era iniziata – una consuetudine nella terza domenica d’Avvento, domenica “Gaudete” – con la visita ad una parrocchia romana
, la chiesa di San Patrizio al Colle predestino. “Per accogliere il Signore che viene dobbiamo prepararci guardando bene alla nostra condotta di vita”, ha detto Benedetto XVI nell’omelia.

Un concetto ripreso all’Angelus di mezzogiorno, quando il Papa ha ripercorso le domande di san Giovanni a chi, in vista della venuta del Messia, gli domanda “Cosa dobbiamo fare?”. Tre le risposte fornite dal Battista: “Chi ha due tuniche, ne dia una a chi non ne ha”, perché – ha chiosato il Papa – “la carità spinge ad essere attenti all’altro e ad andare incontro al suo bisogno, invece di trovare giustificazioni per difendere i propri interessi”. Ai “pubblicani”, poi, il Battista non dice di cambiare mestiere, quello di esattori delle tasse, ma di “non esigere nulla di più di quanto è stato fissato”, ossia non “gesti eccezionali”, ma “il compimento onesto del proprio dovere”, in questo caso, “non rubare”. 

Infine, ai soldati – “un’altra categoria dotata di un certo potere, e quindi tentata di abusarne” – san Giovanni chiede di accontentarsi della loro paga. “Anche qui, la conversione comincia dall’onestà e dal rispetto degli altri: un’indicazione che vale per tutti, specialmente per chi ha maggiori responsabilità”, ha commentato Benedetto XVI, aggiungendo che “anche nel nostro mondo così complesso, le cose andrebbero molto meglio se ciascuno osservasse queste regole di condotta”.

A conclusione dell’Angelus, il Papa ha invitato le famiglie romane a dare ospitalità ai ragazzi che giungeranno nella capitale a fine anno per l’incontro internazionale di Taizé e ha benedetto i “bambinelli”, le statuine di Gesù che i bambini romani presenti all’Angelus metteranno nei presepi.

I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 92,90 - 11%
CREDERE
€ 88,40 € 0,00 - 35%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
GBABY
€ 69,60 € 49,80 - 28%