Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 31 maggio 2024
 
 

Angelus:"Fermate il commercio di armi"

08/09/2013 

Contro i signori della guerra e quelli del commercio, anche illegali delle armi. Papa Francesco all’Angelus il giorno dopo la grande veglia per la pace torna a denunciare il dramma della guerra. Ricorda Siria, Libano, Iraq, Egitto e il conflitto tra israeliani e palestinesi. Dice che “la ricerca della pace è lunga e richiede pazienza e perseveranza” e aggiunge: “Andiamo avanti con  la preghiera”. Ma è il ragionamento sulla guerra legata al commercio delle armi che impressiona. Bergoglio spiega insomma che le guerre non nascono per caso, ma dietro ci sono anche precise ragioni commerciali legali e illegali. Le guerre si fanno anche per soddisfare gli interessi e gli appetiti di quello che viene chiamato l’apparto militare industriale. Ci sono molte guerre, ha sottolineato Papa Francesco: “Guerre dappertutto, anche per vendere le armi del commercio illegale”. La denuncia di Bergoglio è precisa: “Si fanno le guerre anche per vendere le armi del commercio illegale”. Poi spiega: “Questi son o i commercio da controbattere uniti e con coerenza, inseguendo gli interessi della pace e del bene comune”. Per il Papa “scegliere il bene” significa “dire no all’odio fratricida e alle menzogne di cui si serve”. Tra esse, appunto, quelle sul commercio delle armi.

Un business da 1200 miliardi di dollari

Il contrabbando di armi e quindi il commercio illegale, denunciato da papa Francesco all’Angelus, vale 1200 miliardi di dollari all’anno, secondo stime concordi di Ong internazionali e studi delle Nazioni Unite. Il film “Lord of war”, del 2005 interpretato da Nicola Cage lo racconta in modo paradigmatico: “Ci sono più di 550 milioni di armi da fuoco in circolazione nel mondo.
Significa che c'è un'arma da fuoco ogni dodici persone nel pianeta. La domanda è: come armiamo le altre undici?”. Così comincia il lungo discorso di Yuri Orlov, protagonista del film, trafficante mondiale ucraino. Secondo l’ONU, il traffico di armamenti è il terzo mercato illegale più importante del mondo (dopo quello della droga e quello della prostituzione) ed è stimato intorno ai 1200 miliardi di dollari all’anno.
Nel mondo vengono fabbricate 15 armi da fuoco al minuto e una persona viene uccisa ogni 60 secondi. Ciò vuol dire che le pallottole fanno oltre 500.000 vittime all’anno tra civili e militari, senza contare il numero  di feriti. Il 75 per cento delle armi da fuoco nel mondo è in mano a civili e solo il resto a forze dell’ordine e eserciti regolari.

Multimedia
#prayforpeace: le immagini più belle della Veglia
Correlati
Carolina Kostner: "Sarò con il cuore alla veglia di preghiera per la pace in Siria"
Correlati
#prayforpeace: le immagini più belle della Veglia
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo