Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 29 maggio 2024
 
 

Angola, l'asilo della speranza

04/07/2011  E' stato inaugurato a Luanda l’asilo “Nossa Senhora da Esperança” (Nostra Signora della Speranza), la seconda struttura ristruttrata dal Vis e dai Salesiani grazie ancha fondi Ue.

E' un'ulteriore struttura volta a strappare al degrado i bambini più poveri. E' stato inaugurato  a Luanda l’asilo “Nossa Senhora da Esperança” (Nostra Signora della Speranza), la seconda struttura ristrutturata dal Vis e dai Salesiani grazie al progetto “Rafforzamento della rete di protezione sociale dei bambini e adolescenti più vulnerabili e marginalizzati di Luanda”, co-finanziato dall’Unione Europea, con il contributo del ministero degli Affari Esteri  e sostenuto dalla campagna di sensibilizzazione "L'Africa non gioca". 

Il nuovo asilo è situato in una delle zone più degradate e povere del quartiere di Lixeira e grazie alla ristrutturazione si è potuto influire notevolmente sul miglioramento delle condizioni igienico-sanitarie all’interno della stessa struttura. Oltre a nuove strutture perimetrali e ambienti ad hoc destinate alle attività ludico-ricreative per i bambini, un grosso impatto ha avuto, infatti, il nuovo impianto di canalizzazione delle acque che ha permesso di disporre finalmente di acqua corrente, di servizi igienici dignitosi e puliti nonché di una cucina attrezzata. L’asilo accoglie 200 bambini suddivisi in due turni (mattina e pomeriggio) e, grazie alla dedizione degli educatori, offre un servizio fondamentale per la loro educazione e crescita umana: i bambini, infatti, nella baraccopoli di Lixeira, passano prevalentemente le giornate sulla strada, affidati a fratelli o vicini di pochi anni più grandi di loro.

L’inaugurazione ha visto la partecipazione di rappresentanti dell’Unione europea, dei Salesiani di Don Bosco e di alcuni genitori, oltre che dei volontari del Vis impegnati nel progetto, e si è svolta in un clima informale e allegro e ha avuto come protagonisti i bimbi che si sono presentati e hanno raccontato le loro giornate tipo all’asilo attraverso danze, canti, sorrisi e sottolineando altresì la bellezza e l'importanza delle novità introdotte grazie ai lavori, prima fra tutte, l'acqua. La benedizione dell’asilo da parte di padre Roberto Musante, un salesiano che da anni si batte per recuperare e reinserire nella società angolana i ragazzi di strada, il taglio della torta e un pranzetto succulento hanno concluso la festa nel migliore dei modi.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo