logo san paolo
sabato 23 ottobre 2021
 
VENERDì SANTO
 

Migrazioni e guerre: la Via Crucis e i dolori del mondo

14/04/2017  La sofferenza che porta già in sé le tracce della risurrezione: le meditazioni della liturgia presieduta stasera da papa Francesco al Colosseo sono state affidate alla teologa francese Anne-Marie Pelletier, 71 anni, sposata, madre di 3 figli.

Il dolore che porta già in sé le tracce della risurrezione. Nelle meditazioni della Via Crucis, affidate quest’anno alla teologa francese Anne-Marie Pelletier, docente di Sacra Scrittura ed Ermeneutica biblica allo Studio della facoltà “Notre Dame” del Seminario di Parigi, risuonano le voci dei migranti e delle vittime della guerra, risuonano le tragedie del mondo contemporaneo e le attese di quanti vivono in condizioni di sofferenza, di confl­itto, di fragilità.

«Il mondo è in preda al dolore», ha sottolineato la teologa spiegando la linea che ha voluto seguire nei suoi commenti, «e cosa sarebbe una fede pasquale che prendesse le distanze da queste realtà?». Una realtà che ha, però, in sé la gioia della fede, la certezza di un’attesa che non è vana. «Il Venerdì Santo è inseparabile dalla mattina della risurrezione, nella desolazione del Golgota è presente la gioia del Vangelo». Lo racconta una donna che si accosta al dolore di Cristo come fecero duemila anni fa le donne che, fino all’ultimo, sostarono ai piedi della croce. Per essere poi anche le prime ad annunciare la risurrezione.

Quasi che il dolore più profondo e la gioia più grande abbiano bisogno degli occhi e del cuore delle donne per essere capiti e detti. Sposata con tre figli, vincitrice del Premio Ratzinger 2014, la teologa cita la sollecitudine delle donne nei Vangeli, ma anche i gesti di oggi, di solidarietà concreta verso il mondo contemporaneo. E si affida anche alle sue letture personali, quelle che hanno nutrito, da altre confessioni, la sua fede. Richiama l’ebrea Etty Hillesum, il pastore luterano Dietrich Bonhoeffer, il teologo ortodosso Christos Yannaras. Fa dialogare il Vangelo con l’Antico Testamento rimettendo la passione di Gesù nel contesto dell’attesa che ha accompagnato la storia di Israele.

Anne-Marie Pelletier, autrice di diversi testi sul ruolo della donna nella Chiesa, non è la prima a cimentarsi con la sfida di introdurre in quel clima di silenzio «in cui la verità folle della Croce possa risuonare per ciascuno», come dice lei stessa. L’ultima donna a scrivere le meditazioni era stata, nel 2011, madre Maria Rita Piccione, preside della Fondazione delle monache agostiniane. Nel 1995 era toccato a sorella Minke de Vries, monaca della comunità protestante di Grandchamp, in Svizzera, e nel 1993 a madre Anna Maria Cànopi, abbadessa dell’abbazia benedettina Mater Ecclesiae.

I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 0,00 - 11%
CREDERE
€ 88,40 € 57,80 - 35%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
I LOVE ENGLISH JUNIOR
€ 69,00 € 49,90 - 28%