logo san paolo
mercoledì 08 dicembre 2021
 
dossier
 

Papa in Molise: un patto per il lavoro

05/07/2014  Bergoglio inaugura l'anno giubilare celestiniano a 800 anni dalla nascita di San Pietro del Morrone. Un anno di rinnovamento dei rapporti sociali per progettare un'economia diversa che ponga al centro la persona.

Campobasso,
dal nostro inviato

Un viaggio all'insegna della dignità del lavoro e della solidarietà. Che ha rimesso al centro la parola misericordia e il servizio agli altri come servizio a Dio.
Papa Francesco lascia il Molise dopo aver indetto l'anno celestiniano per gli 800 anni dalla nascita, a Isernia, dell'eremita Pietro del Morrone, eletto al soglio pontificio nel 1294 con il nome di Celestino V.
«Pensando all’eredità di san Celestino V c'è un'idea forte che mi ha colpito», ha detto papa Francesco dopo il saluto del vescovo di Isernia-Venafro, monsignor Camillo Cibotti. «Lui, come san Francesco di Assisi, ha avuto un senso fortissimo della misericordia di Dio, e del fatto che la misericordia di Dio rinnova il mondo. Pietro del Morrone, come Francesco d’Assisi, conoscevano bene la società del loro tempo, con le sue grandi povertà. Erano molto vicini alla gente, al popolo. Avevano la stessa compassione di Gesù verso tante persone affaticate e oppresse; ma non si limitavano a dispensare buoni consigli, o pietose consolazioni».

Spiegando l'importanza del luogo in cui si è svolto l'ultimo incontro - la piazza della Cattedrale - il Papa ha sottolineato che «la piazza è il luogo dove ci incontriamo come cittadini, e la cattedrale è il luogo dove ci incontriamo con Dio, ascoltiamo la sua Parola, per vivere da fratelli. Nel cristianesimo non c’è contrapposizione tra sacro e profano».

Ed è al senso di una nuova cittadinanza che il Papa si è richiamato continuando a sottolineare che sia Celestino che san Francesco, «hanno sentito il bisogno di dare al popolo la cosa più grande: la misericordia del Padre, il perdono.“Rimetti a noi i nostri debiti, come noi li rimettiamo ai nostri debitori”. In queste parole del Padre nostro c’è tutto un progetto di vita, basato sulla misericordia. La misericordia, l’indulgenza, la remissione dei debiti, non è solo qualcosa di devozionale, di intimo, un palliativo spirituale. No! E’ la profezia di un mondo nuovo, in cui i beni della terra e del lavoro siano equamente distribuiti e nessuno sia privo del necessario, perché la solidarietà e la condivisione sono la conseguenza concreta della fraternità».

Il senso «attualissimo dell’Anno giubilare Celestiniano, che da questo momento dichiaro aperto» è esattamente nell'apertura al mondo, anzi nel sognare un mondo nuovo che è «una strada buona per tutti, una strada che ci avvicina alla giustizia e alla pace». Durante questo anno «sarà spalancata per tutti la porta della divina misericordia. Non è una fuga, non è un’evasione dalla realtà e dai suoi problemi, è la risposta che viene dal Vangelo: l’amore come forza di purificazione delle coscienze, forza di rinnovamento dei rapporti sociali, forza di progettazione per un’economia diversa, che pone al centro la persona, il lavoro, la famiglia, piuttosto che il denaro e il profitto».

Multimedia
Papa Francesco in Molise: lavoro, poveri, giovani e Celestino V
Correlati
I vostri commenti
6

Stai visualizzando  dei 6 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo