Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 20 aprile 2024
 
Anoressia a soli 17 anni
 

«Anoressia: ha 17 anni e non riesce a smettere di pensare al suo peso. Come la aiutiamo?»

04/01/2024  «Rivolgetevi a uno psicologo. Non parlatele solo di cibo e salute, ma preservate il valore dei momenti conviviali» Leggi la risposta di Fabrizio Fantoni

Da qualche tempo, nostra figlia di 17 anni ha incominciato a mangiare meno di prima. È sempre stata abbastanza magra, però aveva una corporatura media. Da alcuni mesi, vediamo che ha ridotto la sua alimentazione a colazione e ai pasti. Lei ha sempre detto che non c’è da preoccuparsi, ma noi abbiamo notato che si pesa spesso con la bilancia di casa e tiene d’occhio ogni tipo di cibo, quanti grassi contiene, quanti carboidrati... In più, pratica sport e va molto bene a scuola. L’altra sera, la vedevo triste, e abbiamo parlato a lungo.

Piangendo, mi ha detto che non riesce a smettere di pensare al suo peso, che deve stare sotto ad un certo numero di chili e per questo deve controllare la sua alimentazione. Ho visto che sta male e le ho chiesto se posso aiutarla. Le ho anche proposto di parlare con uno psicologo. Lei però mi è sembrata incerta. Ho fatto bene?

MarIa Laura

 

Risposta di Fabrizio Fantoni

Cara Maria Laura, hai sicuramente fatto bene a proporle un intervento psicologico, e ti inviterei a non cedere alla sua incertezza ma anzi a sostenerla per un confronto esterno alla famiglia. Il rischio è infatti che questi pensieri finiscano per invadere la sua mente, diventando una gabbia che ne blocca i movimenti di crescita. L’ossessione sul corpo e su una immagine di sé che non si riesce a definire è la manifestazione di un dolore a cui è difficile dare voce in altro modo.

Non è facile anche solo riconoscerne l’esistenza: dalla tua lettera, non segnali motivi particolari di disagio nella sua vita. In realtà, come certe correnti che scorrono nelle profondità dei mari, ma la superficie è calma, ci sono movimenti oscuri nella mente di un adolescente difficili da riconoscere finché non assumono forme visibili come questa. Sono movimenti conflittuali, come il ripensamento dei legami con i genitori o la definizione di chi si è e di chi si vorrebbe diventare. Occorre che voi genitori siate attenti a non cadere nella trappola di puntare l’attenzione solo sul cibo e sulla salute fisica della ragazza.

Meno parlerete di cibo e meglio sarà: è più utile delegare a una figura neutrale, come un medico o un nutrizionista, il monitoraggio della condizione fisica e del peso della ragazza. Né voi, né soprattutto lei, dovrete restare intrappolati nel controllo ossessivo della bilancia, o di quanto vostra figlia mangia a tavola. Piuttosto è meglio salvaguardare il valore simbolico del consumare i pasti insieme, come momento in cui la famiglia si ritrova e sta bene insieme.

Tenete presente che, non essendo primariamente un problema organico ma psicologico, dovrete porre attenzione agli aspetti relazionali e ai movimenti della ragazza nei vari ambiti di vita (amici, scuola, sport…). Voi, in particolare, avrete cura del clima emotivo in famiglia. Vi saranno di aiuto gli specialisti a cui vi rivolgerete e che dovranno supportare anche voi genitori.

 

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo