Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 22 aprile 2024
 
Focus
 
Benessere

Antibiotici: pro e contro

11/10/2015  Con l’arrivo dei primi freddi e delle conseguenti malattie da raffreddamento, molti ricorrono facilmente a questi farmaci, che possono essere addirittura dannosi. Ecco il parere degli esperti.

Ci hanno salvato  L'opinione di Prof. Francesco Rossi, presidente della Società italiana di farmacologia e professore ordinario di Farmacologia presso la Seconda Università degli studi di Napoli.


  • Hanno allungato la vita dell’uomo.
    Fino agli inizi del Novecento, era piuttosto alta la mortalità per malattie infettive e parassitarie (circa il 30 per cento dei decessi): grazie agli antibiotici l’aspettativa di vita della popolazione si è allungata di almeno vent’anni.

 

  • In alcune situazioni, possono essere salva-vita.
    In caso di infezioni molto gravi, diffuse sia a livello ospedaliero sia comunitario, gli antibiotici sono fondamentali per i pazienti, soprattutto per quelli che presentano una qualche forma di immunodepressione, dagli anziani ai trapiantati, dai malati oncologici sottoposti a chemioterapia ai soggetti con patologie che colpiscono il sistema immunitario.

 

  • Non potranno mai essere soppiantati da omeopatia e rimedi alternativi.
    L’omeopatia non può curare le infezioni batteriche, la cui terapia deve basarsi essenzialmente sugli antibiotici. Detto ciò, è importante ricordare che questi farmaci (come tutti gli altri) rappresentano una medaglia a doppia faccia, perché un uso eccessivo e improprio può favorire la comparsa e la diffuusione di microrganismi resistenti alle terapie, che rendono inefficaci le cure mediche e rappresentano un grave rischio per la salute pubblica.

 

  • Sono sicuri, anche in fasi delicate della vita come l’infanzia e la gravidanza.
    Prima di essere approvato, ogni farmaco viene sottoposto a una lunga serie di studi, la cui durata oscilla in genere tra i sette e i dieci anni, condotti prima in laboratorio e su animali e poi sull’uomo. Anche i soggetti più delicati e sensibili possono assumere antibiotici senza problemi, a patto di utilizzarli sotto stretto controllo medico per scongiurare interazioni con altri farmaci o alimenti, ed evitando l’automedicazione.

Attacano le difese

L'opinione di Prof. Corrado Giua Marassi, farmacologo e presidente della Società italiana farmacia clinica.


  • Non vanno assunti per combattere l’in‰ uenza o infezioni di natura virale.
    L’uso degli antibiotici in caso di in“ uenza, ra reddore e altre infezioni virali è assolutamente inutile; infatti, questi farmaci non sono in grado di combattere i virus e possono viceversa indebolire le difese immunitarie. La loro assunzione è appropriata solo in caso di infezioni batteriche, che condividono alcuni sintomi con quelle virali e pertanto possono essere diagnosticate solo dal medico.

 

  • Possono provocare disturbi all’organismo.
    Nonostante siano farmaci salvavita, possono provocare alcuni e etti collaterali. Infatti, oltre a uccidere i batteri patogeni, attaccano anche la “ ora batterica intestinale e vaginale benigna che ne regola il corretto funzionamento. Questo può causare diarrea, gon  ore e crampi addominali, candidosi vaginale, mughetto, stomatiti, afte e debolezza generale.

 

  • No all’autocura e al “passaparola”.
    È compito esclusivo del medico, o del pediatra, la scelta di prescriverli. Gli antibiotici non sono tutti uguali: non agiscono sugli stessi batteri e di eriscono tra loro in dosi, modalità di assunzione e durata della terapia. Solo dopo un’attenta diagnosi il medico sarà in grado di stabilire quale tipo di batterio causa la patologia e in base a quello, oltre alle condizioni del paziente (allergie a principi attivi, malattie concomitanti, altri farmaci assunti), prescriverà il più adatto.

 

  • Coltivano batteri con super poteri.
    L’uso non appropriato degli antibiotici ha come conseguenza lo sviluppo del fenomeno della resistenza batterica. Usarli quando non serve o non seguire fedelmente la terapia prescritta dal medico può rendere insensibili in futuro a questi farmaci, quando questi siano realmente necessari. L’uso scorretto genera super batteri che potranno esporre noi e i nostri   gli a patologie non più curabili con i farmaci attualmente a disposizione.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo