logo san paolo
giovedì 09 dicembre 2021
 
dossier
 

Porta Santa in Laterano, il Papa: «Inizia il tempo del perdono»

13/12/2015  Da Roma a Milano, da Torino a Palermo, da Bologna a Bari: l'apertura delle Porte della misericordia e l'avvio dell'Anno Santo - in Italia e nel mondo - nel segno del perdono. Della riconciliazione. E delle periferie

«Concedi alla tua Chiesa un tempo di grazia penitenza e perdono per rinnovarsi interiormente e camminare fedelmente nelle tue vie». Il vescovo di Roma, papa Francesco, sosta davanti alla porta Santa della Basilica di San Giovanni in Laterano, la cattedrale di Roma. Poi pronuncia la formula di rito: «È questa la porta del Signore apritemi le porte della giustizia per la tua grande misericordia entrerò nella tua casa Signore» e apre la porta che resterà spalancata per tutto l'anno giubilare. Dopo quella di Bangui e di San Pietro, insieme con quella di San Giovanni in Laterano oggi si aprono le porte sante in tutte le diocesi del mondo.

La Porta Santa di San Giovanni in Laterano, opera in bronzo del maestro Floriano Bodini, ha richiesto due anni e mezzo di lavoro ed è stata installata alla fine del 2000.
Varcare questa porta, e tutte le porte sante della misericordia, ridona speranza, ha spiegato nell'omelia papa Francesco.   «Inizia il tempo del grande perdono», dice Bergoglio. Bando alla tristezza, bando all'amarezza e ai dubbi. «Non possiamo lasciarci prendere dalla stanchezza; non ci è consentita nessuna forma di tristezza, anche se ne avremmo motivo per le tante preoccupazioni e per le molteplici forme di violenza che feriscono questa nostra umanità. La venuta del Signore, però, deve riempire il nostro cuore di gioia. Il profeta, che porta inscritto nel suo stesso nome – Sofonia – il contenuto del suo annuncio, apre il nostro cuore alla fiducia: “Dio protegge” il suo popolo. In un contesto storico di grandi soprusi e   violenze, ad opera soprattutto di uomini di potere, Dio fa sapere che Lui stesso regnerà sul suo   popolo, che non lo lascerà più in balìa dell’arroganza dei suoi governanti, e che lo libererà da ogni   angoscia. Oggi ci viene chiesto che “non ci lasciamo cadere le braccia” (cfr Sof 3,16) a causa del   dubbio, dell’impazienza o della sofferenza».
Lo stesso semplice gesto di aprire le porte sante è un invito, nonostante tutto, alla gioia. Sapendo che al cristiano è chiesto qualcosa di più della semplice osservanza della legge: è chiesto di perdonare, di essere testimone della giustizia.  «Dio non ama le rigidità», aggiunge a braccio papa Francesco nell'omelia, «lui è padre, è tenero, tutto fa con tenerezza di padre». E così anche il cristiano, sul suo esempio è chiamato a un «cammino che dura per tutta la vita: quello di essere misericordiosi come il Padre. La gioia di attraversare la Porta della Misericordia si accompagna all’impegno di accogliere e testimoniare un amore che va oltre la giustizia, un amore che non conosce confini. È di questo infinito amore che siamo responsabili, nonostante le nostre contraddizioni».

Multimedia
L'anno della Misericordia, Papa Francesco apre la Porta Santa
Correlati
I vostri commenti
4

Stai visualizzando  dei 4 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo