Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 13 aprile 2024
 
 

Una app per i piccoli autistici

12/03/2013  In aiuto alle famiglie con bambini e ragazzi autistici ecco Immagario: una app che facilita i rapporti dei giovanissimi con gli adulti.

«Penso per immagini e le metto in relazione». Così spiegava il suo modo speciale di pensare e comunicare Temple Grandin, una delle personalità più famose tra quelle affette da autismo. E su questo particolare stile di pensiero e comunicazione si fonda il presupposto scientifico che ha dato vita a Immaginario, la prima app italiana  rivolta alle persone che soffrono di autismo o disabilità cognitive.

L’app – così si definiscono ormai comunemente i programmi sviluppati per iphone e ipad - si basa infatti sulla cosiddetta “comunicazione visiva”, utilizza cioè “carte” che associano immagini a concetti compensando i deficit del linguaggio. «L’obiettivo cui puntavamo – spiegano dalla Finger Talks di Milano, la società di informatica che ha messo a punto l’applicazione -  era di rendere disponile uno strumento non per l’utilizzo autonomo da parte dei giovanissimi ma per facilitare i rapporti con gli adulti».

La parola chiave del prodotto è “portabilità”, smartphone e tablet consentono infatti al bambino di portare ovunque le “carte” opportunamente strutturate in cartelle. Le sezioni Immagini, Frasi, Agenda e Parole mie sono organizzate in modo tale che genitori e operatori possano accedere in modo veloce e intuitivo alle necessità comunicative del piccolo dando vita a un dialogo costante.

Il programma, (disponibile dal 5 marzo sull’App store in versione completa a 14, 99 euro e gratuita in edizione ridotta) è stato messa a punto con il supporto di esperti di marketing e di informatica ma anche di psicoterapeuti, logopedisti, genitori e associazioni di volontariato. Tra le “anime” che hanno sostenuto concretamente il progetto anche Giovanni Storti del trio Aldo, Giovanni e Giacomo, che ha anche prestato la sua voce ad alcune funzionalità audio di altre app simili dedicate alla cosiddetta “educazione speciale”.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo