logo san paolo
domenica 27 novembre 2022
 
chiesa
 

Appello dei vescovi: "La priorità è il lavoro"

25/03/2018  A poche ore dall'elezione dei presidenti di Camera e Senato il segretario della Cei Galantino interviene ricordando la vera agenda del Paese

A poche ore dall'elezione dei nuovi presidenti di Camera e Senato la Conferenza episcopale italiana interviene ricordando le priorità del Paese. E la priorità, come ha sempre detto, è il lavoro. "Questo governo" che si dovrà formare e "chiunque ha responsabilità non può ignorare i dati sulla disoccupazione che riguardano i giovani ma anche gli adulti che hanno perso il lavoro o che non l'hanno mai trovato. Avere persone senza lavoro è avere persone senza dignità, che possono mostrare anche in maniera violenta questo disagio. E' necessario un lavoro per tutti capace di ridare dignità. Conviene alla società". Lo ha detto il segretario generale della Cei monsignor Nunzio Galantino, a 'Stanze Vaticane' su Tgcom24. I vescovi italiani sono preoccupati per la situazione sociale che si è venuta a creare ormai da un decennio. Una situazione che può innescare preoccupanti fenomeni.

"E' il primo atto di questa legislatura: non c'è che da fare gli auguri a coloro che sono stati designati e augurarsi anche che chiunque venga chiamato a governare il Paese mostri passione per l'Italia, attenzione a chi è nel bisogno, voglia di rialzare questo Paese", ha detto in un altro passaggio. "Se non si comincia dagli ultimi e dalla famiglia - ha aggiunto - la vedo dura".

I vostri commenti
19

Stai visualizzando  dei 19 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo