logo san paolo
sabato 27 novembre 2021
 
 

Aprite i conventi ai rifugiati

10/09/2013  Il Papa in visita al Centro Astalli incontra rifugiati e rifugiate. E ai religiosi e alle religiose dice: "Non fate alberghi per fra soldi con i conventi vuoti, apriteli ai rifugiati".

Ha voluto vedere tutto e abbracciare tutti. E poi ha esortato religiosi e religiose a mettere a disposizione i conventi vuoti per chi arriva nel nostro Paese: "Non fatene alberghi per fare soldi".
Papa Francesco si è messo in fila alla mensa del Centro Astalli per parlare con i rifugiati che ogni giorno, in 400, entrano nel seminterrato gestito dai gesuiti per avere un pasto caldo. Il Papa, che ha incontrato anche i volontari che si occupano del Centro,  li ha ascoltati e benedetti. Davanti ai dipinti della Fuga in Egitto e dell’Ultima cena, opera di un rifugiato etiope – che abbelliscono la cappellina del Centro - il Papa ha sostato in preghiera prima di recarsi nella chiesa del Gesù per l’incontro ufficiale con i rifugiati e i 300 volontari che gestiscono i 4 centri di accoglienza del Jrs. Adam e Carol, dal Sud Sudan e dalla Siria hanno raccontato le loro storie accompagnati da padre Giovanni La Manna, direttore del centro.
“Testimonianze forti e sofferte”, ha detto il Papa che ha subito messo in correlazione l’incontro al centro che si occupa dei rifugiati con il suo viaggio a Lampedusa: “Roma! Dopo Lampedusa e gli altri luoghi di arrivo, per molte persone la nostra città è la seconda tappa. Spesso – come abbiamo sentito – è un viaggio difficile, estenuante, anche violento quello che si è affrontato”, ha detto Francesco. Ricordando poi che “Roma dovrebbe essere la città che permette di ritrovare una dimensione umana, di ricominciare a sorridere. Quante volte invece qui, come in altre parti, tante persone che portano scritto ‘protezione internazionale’ sul loro permesso di soggiorno, sono costrette a vivere in situazioni disagiate, a volte degradanti, senza la possibilità di iniziare una vita dignitosa, di pensare a un nuovo futuro!”.
Il Papa, partendo dalle tre parole che sono il motto del Jrs – servire, accompagnare, difendere – ha ribadito che “servire significa accogliere la persona che arriva, con attenzione”.  Accompagnare “il cammino dell’integrazione”, perché “sentirsi parte attiva della società è un diritto”, ha sottolineato Francesco riprendendo il saluto di Carol: “I siriani in Europa sentono la grande responsabilità di non essere un peso, vogliamo sentirci parte attiva di una nuova società”. Infine difendere, “mettersi dalla parte di chi è più debole”. Un impegno che spetta a tutti, non solo a degli “specialisti”, che spetta anche ai religiosi e alle religiose. A loro il Papa ha detto “i conventi vuoti non servono alla Chiesa per trasformarli in alberghi e guadagnare i soldi. I conventi vuoti non sono nostri, sono per la carne di Cristo che sono i rifugiati. Il Signore ci chiama a vivere con generosità e coraggio l’accoglienza nei conventi vuoti”.
“Sollecitati dalle parole del Papa”, ha commentato padre La Manna, “dovremmo chiederci se siamo contenti di come va la nostra vita e di come siamo chiamati a vivere per tenere viva non solo la speranza dei rifugiati, ma di tutti noi perché insieme è possibile trasformare questo nostro mondo”.

Multimedia
Le immagini della visita del Pontefice
Correlati
I vostri commenti
4

Stai visualizzando  dei 4 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo