logo san paolo
martedì 25 gennaio 2022
 
 

Armi made in Italy, cresce l'export

05/05/2012  Rete disarmo e Tavola della pace analizzano il Rapporto 2012 del Governo. Aumentano le esportazioni verso le zone di maggior tensione del mondo ma diminuiscono le informazioni fornite.

Nel 2011 le autorizzazioni alle esportazioni di armamenti sono aumentate del 5,28%. E le operazioni più consistenti riguardano Paesi come l'Algeria e Singapore, al di fuori delle tradizionali alleanze dell'Italia: solo il 36% delle autorizzazioni, infatti, è verso Stati della Nato, dell'Ue o dell'Osce (per un valore di 1,1 miliardi di Euro), mentre oltre il 64% (per un valore di 1,959 miliardi di euro) è diretto verso Paesi non inseriti in queste rete di rapporti diplomatici che si nutre di valori comuni.


Non si tratta di dati isolati, ma di una tendenza in atto da tempo. Nell'ultimo triennio, come rivela un'analisi congiunta dei rapporti governativi, le direttrici delle esportazioni italiane sembrano essersi nuovamente orientate verso Paesi in via di sviluppo. Qualcosa di simile a quello che accadeva negli anni '70 e '80. «Questi dati allarmanti – commenta Flavio Lotti, coordinatore nazionale della Tavola della pace – dimostrano che le armi si vendono nei Paesi dove cresce l'instabilità, in contrasto con i principi della Costituzione e della legge 185 del 1990. E' particolarmente grave che l'elenco dei destinatari includa anche territori carichi di conflitti e tensioni». 

«Nel 2011 il primo Paese acquirente di armi italiane è stato l'Algeria, una terra in grave difficoltà economica, dalla quale arrivano anche denunce di violazioni dei diritti umani», prosegue Lotti. «E che dire della Libia e della Siria, due Paesi verso cui l'Italia ha esportato sistemi militari più di qualunque altro Stato europeo? Le armi uccidono la democrazia prima ancora che le persone e la vendita indiscriminata di materiali bellici rischia di ritorcersi contro le stesse politiche di sicurezza stabilite a livello nazionale ed europeo». Solo un serio confronto politico potrebbe aiutare a far luce su questioni così delicate «ma finora – fa notare ancora Lotti -  il Parlamento non ha mai discusso le relazioni annuali presentate dal Governo. Possibile che le commissioni competenti non abbiano trovato il tempo per analizzare i dati? Emerge da parte delle Camere una pericolosa disattenzione: in questo modo non è neppure possibile portare alla luce le contraddizioni contenute nei resoconti annuali». 

Ecco perché la Rete italiana per il disarmo e la Tavola della pace lavorano per iniziare quanto prima un confronto politico e chiedono al governo Monti un incontro urgente sulle esportazioni militari: «Molti punti sono da chiarire – conclude Lotti – Al momento non sappiamo neppure chi sia il consigliere militare dell'attuale esecutivo. Tuttavia vogliamo prendere sul serio la volontà di cambiamento espressa da questo Governo. Continueremo a procedere con gli strumenti che ci sono propri, confronto non violento e mobilitazione della società civile, nella speranza che il muro di silenzio, divenuto di anno in anno sempre più impenetrabile, si rompa lasciando il posto a una maggiore trasparenza».  

Atteso per fine marzo, il dossier del Governo è stato reso noto solo il 24 aprile. Si tratta del Rapporto della Presidenza del Consiglio relativo alle esportazioni e importazioni militari nel 2011. Il resoconto, versione sintetica di una più lunga relazione depositata in Parlamento, è una delle conquiste scaturite dalla legge 185 che dal 1990 disciplina la delicata e controversa questione dell'import/export di sistemi d'arma. La sua pubblicazione dovrebbe essere garanzia di trasparenza, strumento di informazione e dialogo con la società civile.


Quest'anno il Rapporto ha sollevato molti dubbi, tra ritardi, lacune, dati "ballerini" e prospettive poco rassicuranti. Le esportazioni di armi italiane aumentano, soprattutto verso le zone di maggior tensione del mondo. Intanto le informazioni fornite dal Governo, già diminuite negli ultimi anni, diventano ancora più scarse E scorrendo le 101 pagine di cifre e grafici, i ricercatori hanno notato alcune significative mancanze rispetto agli anni passati. E' scomparsa la cosiddetta "tabella 15", un prezioso strumento di valutazione e controllo. «Dopo un intenso confronto con i rappresentanti dell'ultimo governo Prodi – spiega Giorgio Beretta, analista della Rete italiana per il disarmo - eravamo riusciti a far inserire nel rapporto una tavola sintetica, che documentava valori e tipologie di sistemi militari autorizzati verso i singoli Paesi. Quest'anno la tabella 15 è stata semplicemente cancellata, senza spiegazioni, cosa che rende sicuramente più difficile il nostro lavoro di ricostruzione e monitoraggio».

A un esame meticoloso del testo governativo emergono anche alcune imprecisioni. Per fare qualche esempio, dalla lista dei principali Paesi destinatari di autorizzazioni all'esportazione di armi sparisce l'India, che pure occupa il terzo posto (con autorizzazioni per 259,41 milioni di Euro) come segnalato altrove nel Rapporto. E l'elenco dei principali destinatari dei Paesi Ue/Nato tralascia la Turchia, benché si tratti del primo acquirente di armi Italiane nell'area Nato. L'unico modo per conoscere la reale posizione di questi Paesi è andare a spulciare le tabelle allegate al rapporto. Possibile che si tratti solo di sviste dovute alla fretta? «Difficile dirlo – risponde Francesco Vignarca, coordinatore della Rete italiana per il disarmo – Noi ci limitiamo a osservare che tanto l'India quanto la Turchia sono territori densi di controversie, sui quali sarebbe opportuno tenere alta l'attenzione».  

Nuove lacune si sommano a mancanze consolidate. Già dall'inizio dell'attuale legislatura, la Relazione presentata in Parlamento non contiene più il "Riepilogo in dettaglio per istituti di credito", una tabella molto utile, che per anni ha riportato tutte le singole operazioni autorizzate alle banche. Gli istituti di credito  sono un anello importante nella catena delle esportazioni. Recentemente alcune banche hanno adottato politiche di trasparenza e hanno cercato di limitare i servizi d'appoggio al commercio di armi, almeno verso le aree più critiche. «Ma senza informazioni dettagliate e precise – spiega Vignarca - queste politiche virtuose rischiano di essere disincentivate, a vantaggio delle banche che invece non hanno adottato alcuna policy in materia di armi».

In Europa è un caso più unico che raro: una normativa all'avanguardia, che vincola il commercio d'armi a restrizioni e controlli ben precisi. Per ottenerla ci sono volute due legislature e un grande lavoro della società civile. Parliamo della legge 185 del 1990, nata alla luce dei principi dell'articolo 11 della Costituzione: «L'Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali». Dopo oltre vent'anni dalla sua approvazione, questa storica legge sarà cambiata con un decreto delegato di cui è in corso la discussione. Molti temono che la modifica introduca norme più permissive in materia di export militare, aprendo un pericoloso varco al commercio internazionale di armi, anche verso le zone "ad alta tensione".


In Italia il dibattito su questi temi ha una storia relativamente recente. Ancora a metà anni '80 il commercio di armamenti era coperto da segreto militare, cosa che rendeva possibili traffici e triangolazioni anche verso Paesi sotto embargo Onu. Per cambiare la situazione fu necessaria una forte pressione della società civile, sensibilizzata dalla campagna "contro i mercanti di morte". Il peso del mondo cattolico fu decisivo: voci autorevoli, come quelle di padre Alex Zanotelli, Eugenio Melandri e don Tonino Bello, lanciarono appelli memorabili. E dopo anni di dibattito parlamentare si arrivò all'approvazione di una normativa nuova, che aveva il sapore di una conquista storica. 

La legge 185/90 impone precisi divieti (in particolare proibisce il commercio di armi verso Paesi in stato di conflitto, sotto embargo Onu o che violino le convenzioni internazionali sui diritti umani) e prevede un sistema di controllo del Governo sulle industrie produttrici. Non solo: impone all'esecutivo di produrre, entro il 31 marzo di ogni anno, un rapporto dettagliato sulle esportazioni e importazioni militari. Negli ultimi decenni, anche a livello europeo, si è cercato di porre un freno al commercio internazionale di armi: esiste a riguardo un Codice di Condotta Ue del 1998, aggiornato dieci anni più tardi con una Posizione Comune. Ma si tratta di criteri generali, interpretati con molta elasticità dai diversi Paesi europei.

Da Bruxelles però arrivano anche sollecitazioni diverse. E' stata infatti approvata una direttiva Ue (questa sì, con valore vincolante) che dovrebbe facilitare i movimenti di sistemi militari tra i Paesi dell'Unione. A far discutere non è tanto la direttiva in sé, quanto la catena di conseguenze che potrebbe avere. La normativa italiana prevede una tracciabilità completa dei sistemi d'arma prodotti nel nostro Paese, tanto che se uno Stato europeo vuole esportare materiale bellico italiano deve chiedere un autorizzazione al nostro Governo e spiegare qual è la destinazione finale. Ma in futuro questo sistema potrebbe ammorbidirsi. 

«Su alcuni punti la direttiva Ue è piuttosto vaga – fa notare Chiara Bonaiuti, ricercatrice presso Oscar Ires Toscana – Sta quindi molto alla responsabilità dei Governi nazionali dettagliare gli aspetti relativi alla trasparenza e al controllo parlamentare, alla responsabilità sulla destinazione finale e alle clausole di restrizione all’esportazione. Inoltre, considerato che le armi non sono merci come tutte le altre, è necessario, soprattutto in questa prima fase, mantenere una tracciabilità, raccogliendo tutte le informazioni sugli spostamenti e riportandole nella relazione annuale al Parlamento, in armonia con i documenti sulla strategia di sicurezza europea interna e internazionale». In sostanza, più sono gli organismi che controllano, meglio è. 

Per recepire la direttiva europea si è messo in moto il meccanismo di revisione della legge 185/90. E qui tocchiamo un altro nodo problematico. La decisione di cambiare la normativa mediante legge delega è stata contestata: molti hanno ritenuto inopportuno sottrarre al dibattito parlamentare la riforma di una legge che proprio nel Parlamento aveva trovato il suo punto di forza. «Oltretutto – prosegue Bonaiuti – le indicazioni di Bruxelles non sono necessariamente in contrasto con la nostra normativa. Anzi, proprio perché particolarmente completa e attenta, la legge 185/90 potrebbe diventare un modello a livello europeo e offrire strumenti di valutazione della direttiva in vista del test che verrà realizzato nel 2012».

Anche Giorgio Beretta, ricercatore della Rete italiana per il disarmo, lancia l'allarme: «Siamo seriamente preoccupati. Non tanto per le facilitazioni ai trasferimenti intra-comunitari, ma per il rischio che, attraverso una serie di riesportazioni, armi italiane possano essere destinate verso zone di conflitto o addirittura finire in mano a reti terroristiche».


A riguardo parlano i dati più di qualunque considerazione. Un recente dossier della rivista Missione Oggi documenta le esportazioni di armi autorizzate da Paesi Ue nel quinquennio 2006-2010: l'elenco dei maggiori acquirenti comprende Arabia Saudita (12 miliardi di euro), Emirati Arabi Uniti (9 miliardi), India (5,6 miliardi), Pakistan (4 miliardi), Venezuela (1,6 miliardi), Cina (1,2 miliardi), Egitto (1,1 miliardi), Libia (1 miliardo). 

Tutte aree calde, segnate da tensioni e conflitti. A questi dati la Rete italiana per il disarmo e la Tavola della pace rispondono con l'impegno. Chiedono al Parlamento europeo di definire presto una legge sulle esportazioni di armi. La Posizione Comune elaborata dall'Ue nel 2008 è un buon punto di partenza, ma al momento non è né vincolante né sanzionatoria: bisognerebbe dunque trasformarla in una direttiva.

Non solo: le due associazioni hanno elaborato un documento in dieci punti da presentare ai parlamentari europei, una serie di regole trasparenti e puntuali che, se adottate, potrebbero cambiare la situazione: 1. migliorare i criteri restrittivi della normativa vigente 2. introdurre il divieto di esportazioni verso Stati belligeranti 3. estendere i divieti ai Paesi che presentano alti livelli di spesa militare 4. estendere i divieti ai Paesi che non rendono pubbliche le loro esportazioni e importazioni di armamenti 5. estendere il regime di autorizzazioni e controlli alle armi "non a specifico uso militare" (un punto sul quale anche la legge italiana andrebbe rivista) 6. controllare gli intermediari di armamenti 7. rendere vincolante la comunicazione delle esportazioni di armamenti 8. migliorare la relazione annuale e la trasparenza 9. promuovere il controllo parlamentare e il confronto con la società civile 10. promuovere il riordino dell'industria militare e la riconversione a fini civili.

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo