logo san paolo
martedì 28 giugno 2022
 
dossier
 

Arrestato il sindaco di Riace Mimmo Lucano

02/10/2018  L'accusa è di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina e illeciti nella raccolta dei rifiuti. L'ennesimo colpo all'immagine del piccolo borgo calabrese che era divenuto il simbolo dell'integrazione e dell'accoglienza.

La Guardia di finanza ha arrestato e messo ai domiciliari il sindaco di Riace, Domenico Lucano, con l'accusa di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina ed illeciti nell'affidamento diretto del servizio di raccolta dei rifiuti. L'arresto é stato fatto in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip di Locri su richiesta della Procura della Repubblica. Da due anni la Procura indagava sull'amministrazione Lucano, anche se le ipotesi di reato erano diverse. Un'ispezione della Prefettura aveva copmpletamente scagionato il primo cittadino del Comune della Locride. Ora l'ennesimo colpo di scena.

Dopo l'apertura dell'inchiesta l'ennesimo colpo all'immagine del Comune che era diventato un simbolo dell'integrazione. Lucano infatti aveva seguito il programma Sprar sull'accoglienza dei richiedenti asilo utilizzando i vecchi ruderi dismessi del borgo riacese abbandonati dai migranti partiti alla volta delle Americhe e dell'Europa, istituendo anche una serie di botteghe di artigianato e altri servizi. Il modello Riace aveva catturato l'interesse della stampa internazionale (la rivista Fortune aveva inserito Lucano nei primi 50 uomini più influenti del mondo come riconoscimento della sua politica di accoglienza). A Riace Wim Wenders aveva realizzato il lungometraggio "Il Volo". Recentemente scrittori e altre personalità avevano manifestato in favore del modello Riace, come lo scrittore Roberto Saviano e padre Alex Zanotelli. Anche l'attore Beppe Fiorello aveva giurato una fiction dedicata alla vita del sindaco calabrese. La Procura invece ha rinviato a giudizio il sindaco per la gestione dei profughi e per gli appalti della gestione dei rifiuti.

Multimedia
Mimmo Lucano: «Ecco l'idea di Riace: restiamo umani. Non ci vuole molto»
Correlati
I vostri commenti
2

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo