logo san paolo
lunedì 17 gennaio 2022
 
 

"Arricchiamoci con le differenze", e il video "spacca" su Facebook

20/04/2016  Uno spot di due minuti realizzato dall'Istituto "Goffredo Parise" contro il razzismo negli stadi sta girando in Rete a velocità stellare. Merito della bellezza e della semplicità di questo lavoro.

Nel calcio sono le differenze che fanno la differenza. E aiutano a sconfiggere il razzismo. E' il messaggio di un video che sta spaccando su Facebook. Lo hanno realizzato gli alunni di una scuola vicentina, l'Istituto comprensivo "Goffredo Parise" di Arzignano e Montorso Vicentino. Uno spot di 2 minuti intitolato “Arricchiamoci delle nostre reciproche differenze!” contro  ogni forma di discriminazione dentro e fuori gli stadi. In pochissimo giorni ha avuto oltre 80.000 visualizzazioni sul profilo Facebook del Giornale di Vicenza, quasi diecimila sul sito www.tuttiicoloridelcalcio.it e quasi 2.500 su YouTube. I ragazzi sono partiti dalla premessa che il calcio ha tutte le potenzialità per essere un veicolo importante di integrazione, rispetto e solidarietà fra i giovani. Anche se purtroppo si assiste spesso, invece, ad episodi di razzismo e violenza.

"Il calcio è uno specchio della società che c’è fuori dal campo", spiega Pier Paolo Frigotto, il dirigente scolastico dell'istituto vicentino. "In questa società non si riflette prima di parlare o di agire. Questo sport però, praticato da tanti di loro, ha un ruolo e una visibilità notevoli: deve sforzarsi di essere un esempio. Perché come ha scritto Tahar Ben Jelloun: “Siamo sempre lo straniero di qualcun altro. Imparare a vivere insieme è lottare contro il razzismo”. 

Multimedia
Tutti i colori del calcio, i bambini contro il razzismo in campo
Correlati
I vostri commenti
4

Stai visualizzando  dei 4 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo